Interviste

pubblicato il 27 novembre 2015

Novità Suzuki 2016: intervista a Giorgio Cannizzaro

SV650 e GSX-R 1000 Concept: ce le spiega, nel dettaglio, il direttore post vendita della Casa giapponese

Novità Suzuki 2016: intervista a Giorgio Cannizzaro

Poche ma buone. Le novità Suzuki presentate all'ultimo EICMA di Milano, sono riuscite a captare immediatamente l'attenzione degli appassionati. Un atteso ritorno e una promessa per l'imminente futuro, la nuova SV650 e il GSX-R 1000 Concept, che meritavano sicuramente un approfondimento per andare oltre i semplici dati tecnici contenuti in una cartella stampa e avere un quadro più completo. L'occasione è arrivata grazie ad una interessante chiacchierata con Giorgio Cannizzaro, direttore post vendita di Suzuki Italia, che ci ha svelato succosi particolari su questi nuovi modelli.

Due le importanti novità Suzuki a EICMA 2015. Partiamo dalla nuova SV650, cosa cambia rispetto alla precedente?

"SV è un modello che, oramai, è sul mercato dal '99... quindi, di numeri ne ha fatti tanti e ha raccolto anche molta soddisfazione da parte degli utenti. Il motivo è che fin dall'inizio è stato il primo bicilindrico, sul segmento medio, accessibile a tante persone, con la caratteristica principale, tipica di questa architettura, di avere tanta coppia disponibile fin da subito e, quindi, una spinta regolare, lineare, comprese caratteristiche di performance utilizzabili in pista. Ricordo, ad esempio, che va a sostituire la Gladius, cui era dedicato anche un campionato monomarca. La SV650 adesso si rinnova praticamente quasi in tutto. Sono più di 140 i componenti nuovi, che la caratterizzano. La potenza aumenta di 4 CV, quindi passiamo a 76. Diminuisce il peso di ben 8 Kg, e questo grazie anche al nuovo motore a V, che è molto stretto, e ha concesso di ottenere un telaio molto più snello, per una riduzione complessiva di peso. La moto, inoltre, si propone con tutte le tecnologie che Suzuki sta pian piano migrando dalle competizioni. Quindi, ad esempio, è la prima nostra moto che adotta un sistema di controllo elettronico del minimo. Questo significa che nei momenti di avviamento a freddo, quindi in condizioni meteo poco simpatiche, o nell'utilizzo nel traffico, il sistema evita un abbassamento repentino dei giri e quindi un eventuale spegnimento o lo stallo del motore, rialzando di quel tanto che serve il numero di giri, tenendo la moto sempre in funzione".

Abbiamo parlato di esperienza in ambito competitivo... pensate di usare la nuova SV per iniziative come la Gladius Cup?

"Be', è ancora un pochino presto per parlarne. Di solito, noi ci basiamo tanto anche sulle richieste dei clienti. Vediamo... se la spinta da parte del mercato va anche in quella direzione, perché no! I trofei monomarca hanno sempre dato grande soddisfazione a Suzuki".

Di prezzi è ancora presto per parlarne ma... quando potremo vedere le prime moto in concessionaria?

"Allora, primavera 2016. E come prezzi, stiamo lavorando, ma saranno sostanzialmente allineati alla concorrenza. Per noi, la concorrenza su questo modello è rappresentata dalla Yamaha MT07 e dalla Kawasaki ER6".

Passiamo all'altra novità presentata qui a EICMA e tocchiamo, quindi, un po' di più l'ambito sportivo...

"L'altra novità è la GSX-R 1000 Concept. Perché Concept? Perché gli ingegneri stanno affinando gli ultimi aspetti, sia del propulsore che della ciclistica. Lo scopo è ridefinire gli standard del settore delle superbike, mettendo la nuova GSX-R 1000 in condizione di riconquistare il titolo di regina del segmento, con parametri prestazionali che, ad oggi, ancora non conosciamo ma che - hanno garantito - saranno il top della categoria. Per raggiungere questi elevati livelli di performance, Suzuki sta sfruttando tutta l'esperienza di 30 anni di competizioni delle GSX-R. Quindi andiamo dalla SuperStock, alla SuperBike all'Endurance e alla MotoGP. La moto, mi piace sottolinearlo, non è la replica di una MotoGP. Si tratta di una moto completamente nuova. Propulsore, telaio, tutto nuovo. Infatti, il 4 cilindri adotterà tecnologie avanzatissime, dai materiali come il titanio a sistemi completamente nuovi, che saranno adottati in maniera completamente inedita su una moto sportiva, come ad esempio la fasatura variabile".

Quindi, l'abbiamo aspettata un po', ma quando arriverà farà le cose per bene... ma quando ci sarà il modello di serie? E quando i piloti potranno utilizzarla nelle varie competizioni, a paertire dalla SuperBike?

"Le date non le conosciamo ancora, ma a breve saremo in grado di informare i mercati sulla disponibilità di questo modello..."

Dita incrociate per il 2017, insomma...

"Dita incrociate!"

Autore: Redazione

Tag: Interviste , interviste , eicma 2015


Top