Interviste

pubblicato il 24 novembre 2015

Honda Africa Twin 2016: intervista a Naoshi Iizuka

È il capo progetto della moto più attesa dell'anno, la mente dietro alla rinascita dell'Africona. Ecco cosa ci ha raccontato

Honda Africa Twin 2016: intervista a Naoshi Iizuka
freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • EICMA 2015: Stand Honda - anteprima 1
  • EICMA 2015: Stand Honda - anteprima 2
  • EICMA 2015: Stand Honda - anteprima 3
  • EICMA 2015: Stand Honda - anteprima 4
  • EICMA 2015: Stand Honda - anteprima 5
  • EICMA 2015: Stand Honda - anteprima 6

Desiderata, acclamata, venerata. L'Africa Twin del nuovo millennio è una moto che - ancora prima della sua uscita - sta facendo aumentare la salivazione di tantissimi appassionati, già con il libretto degli assegni in mano all'idea di sedere nuovamente sulla regina delle moto tuttoterreno. 
Una mossa astuta di Honda, che ha il difficile compito di soddisfare le aspettative di tantissimi fanatici del modello con un prodotto all'altezza del nome e del blasone. Manca poco a mettere le mani sulla moto che probabilmente segnerà numeri importanti di vendita nel 2016, quindi ci siamo chiariti le idee a EICMA 2015, facendo una chiacchierata con Naoshi Iizuka, Chief Engineer di Honda e capo del progetto Africa Twin 1000.

La domanda potrebbe sembrare banale, ma perchè si è scelto di riportare in auge il nome di Africa Twin proprio ora?

Non è stata una scelta così istintiva, erano anni che pensavamo alla riproposizione del modello ma cercavamo il momento giusto per poterlo proporre. C'è stato il periodo delle supersportive e quello delle naked, nel decennio scorso, e a conti fatti gli ultimi 5 anni sono stati contraddistinti da elevate vendite dei modelli crossover ed enduro stradali, quindi abbiamo pensato fosse il momento giusto. 
In secondo luogo possiamo contare ancora su una enorme schiera di fan dell'Africa Twin originale, negli anni questo gruppo di appassionati non si è mai ristretto, anzi, è cresciuto sempre più e ci sono ancora tantissime vecchie Africa Twin sulle strade. Questi due aspetti, messi assieme, ci hanno fatto capire che era il momento giusto per il lancio.

Quando si è trovato per la prima volta, assieme al team di ingegneri e designers, davanti a un foglio bianco, qual è stato il suo primo pensiero? Da dove siete partiti?

Siamo partiti da un foglio bianco, l'abbiamo realizzata da zero, ma in realtà una base l'avevamo ed era la vecchia Africa Twin. Quando abbiamo fatto il primo meeting l'idea era condivisa da tutti, dovevamo realizzare un'Africa Twin chiaramente ispirata al passato ma che avesse la tecnologia delle moto contemporanee e i sistemi elettronici di nuova generazione. 
All'interno del team di lavoro ho reclutato persone davvero appassionate di fuoristrada, alcuni di questi veri cultori dell'Africa Twin, per lavorare a unìidea comune che tutti potessero sentire con passione.

Quanto della vecchia Africa Twin c'è realmente in questa moto? Secondo lei può definirsi una moto con gli stessi aspetti off-road o qui sono privilegiati altri aspetti come il comfort o le prestazioni del motore?

Abbiamo fatto uno diagramma con due assi, uno X ad indicare le prestazioni su strada, e un asse Y per le doti in fuoristrada. Con questa moto possiamo assicurare che entrambe le caratteristiche sono state curate al meglio e posso dire, senza alcun timore, che questa moto è migliore in entrambi gli aspetti. L'obbiettivo, tutto sommato, era di realizzare un'Africa Twin degna di questo nome e ci siamo riusciti, anzi, questa è meglio sia in fuoristrada che su strada.

Il motore taglia di netto con il passato, perchè avete scelto un bicilindrico parallelo? C'è una intera famiglia di moto che vorreste realizzare con questa unità come avete fatto con la serie CB?

Abbiamo qualche idea in mente, qualcosa vicino a questo concetto, ma non le posso dire nulla al momento, mi dispiace.

Ing. Iizuka, le chiediamo di sbilanciarsi, c'è una parte della moto, un dettaglio, che secondo lei è riuscito particolarmente bene?

È una bella domanda, potrei stare a pensarci ore ma non riesco davvero a dare la preferenza a qualcosa. Siamo molto orgogliosi di aver realizzato una moto così e ci abbiamo lavorato tutti i giorni per parecchio tempo, cercando di migliorare ogni singolo dettaglio per renderlo perfetto. Non c'è un pezzo della moto che preferisco, mi piace tutta.

 

freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • Honda CRF 1000 L Africa Twin 2016 - anteprima 1
  • Honda CRF 1000 L Africa Twin 2016 - anteprima 2
  • Honda CRF 1000 L Africa Twin 2016 - anteprima 3
  • Honda CRF 1000 L Africa Twin 2016 - anteprima 4
  • Honda CRF 1000 L Africa Twin 2016 - anteprima 5
  • Honda CRF 1000 L Africa Twin 2016 - anteprima 6

Honda Africa Twin (2015) | EICMA 2015

Autore: Redazione

Tag: Interviste , anticipazioni , interviste , eicma 2015


Top