Novità

pubblicato il 12 luglio 2007

Buell 1125 R

Arriva la prima Buell a motore...Rotax

Buell 1125 R
freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • Buell 1125 R - anteprima 1
  • Buell 1125 R - anteprima 2
  • Buell 1125 R - anteprima 3
  • Buell 1125 R - anteprima 4
  • Buell 1125 R - anteprima 5
  • Buell 1125 R - anteprima 6

La scelta è certamente "strana", perchè una Buell priva di motore Harley Davidson è come una BMW Serie R senza motore boxer. Ma prima o poi tutto cambia e, probabilmente, l'austriaca Rotax lasciata via via a piedi da Aprilia...ha deciso di girare l'erede del mitico V60 - che ha spinto sino ad oggi tutta la gamma da un litro della Casa veneta - proprio al più fantasioso dei costruttori di moto oggi in circolazione.

Dire che si tratta di una evoluzione del motore di RSV, Tuono e Caponord è forse azzardato, perchè l'angolo compreso tra i due cilindri non è di 60° ma di 72°, ma è chiaro che lo sviluppo realizzato in 10 anni di storia del superpompone di Noale ha dato qualche buon suggerimento...
Il cuore della Buell R 1125 R è estremamente compatto ma allo stesso tempo è potente: per il momento sono una cinquantina i cavalli in più rispetto all'unità da 1.200 di derivazione HD che spinge attualmente la gamma top di Buell, per un totale di 148, ma in molti sono pronti a scommettere che nelle versioni più estreme il nuovo twin austriaco passerà di slancio i 160 CV.

Attorno a questo tecnologico "tradimento", per giunta raffreddato a liquido!, Buell ha cucito il suo solito capolavoro. Tralsaciando l'estetica estremamente personale e per certi versi ispirata ad un celebre prodotto italiano, la 1125 R vanta tutti i principi fondamentali che hanno dato vita alle creature di "zio Erik" viste sino ad oggi: leggerezza, centralizzazione delle masse, sfruttamento di ogni cm3 per il dislocamento di organi strutturali e funzionali.

La benzina, ad esempio, è contenuta all'interno delle travi in alluminio che compongono il telaio (per un totale di 22 litri) ma anche un elemento fondamentale come l'ammortizzatore posteriore è stato spostato lateralmente per rendere più compatto l'interasse ed avvicinare le masse al baricentro. Il passo, contenuto in soli 1.385 mm, è simile a quello di una seicento giapponese "supersport replica": facile, viste le premesse, prevedere elevati indici di agilità a fronte di un assetto piuttosto neutro.

170 kg a secco, dotata di trasmissione a cinghia in luogo della più tradizionale catena, la nuova Buell 1125 R sarà in vendita da novembre ad un prezzo di 12.100 euro. Un valore davvero sorprendente per una moto con queste caratteristiche.

Autore: EPO

Tag: Novità , strada , bicilindriche


Top