Curiosità

pubblicato il 12 ottobre 2015

Libri: La 200 Miglia di Imola “Corsa dei sogni 1972-1985”

Il volume verrà presentato, a fine ottobre, nelle sale del Museo “Checco Costa” presso l’autodromo di Imola

Libri: La 200 Miglia di Imola “Corsa dei sogni 1972-1985”

La ricordate la mitica 200 Miglia di Imola? Il motociclismo ai tempi del Motociclismo, direbbe qualcuno. Certo, non si dovrebbe vivere di passato o di ricordi; ma è innegabile, come certe atmosfere d'altri tempi, un modo di vivere le gare e la passione per le due ruote, mantengano inalterato il proprio fascino negli anni. Come provano a raccontarci Angelo Dal Pozzo e Claudio Ghini nel libro La 200 Miglia di Imola “Corsa dei sogni 1972-1985” (Bacchilega Editore). 272 pagine, corredate da oltre 400 foto, per ricordare, a trent’anni dall’ultima edizione, una delle più grandi corse della storia del motociclismo, organizzata tra il 1972 e il 1985.

La presentazione

Il volume verrà presentato ad appassionati e addetti ai lavori, nelle giornate di giovedì 22 ottobre (ore 11.00 ) e sabato 24 ottobre (ore 18.00), nelle sale del Museo “Checco Costa” presso l’autodromo “Enzo e Dino Ferrari” di Imola. Gli incontri saranno condotti dalla voce di Carlo Costa, speaker storico dell’impianto sportivo di Imola, con il contributo degli autori e la partecipazione di grandi campioni del motociclismo quali Giacomo Agostini, Marco Lucchinelli, Johnny Cecotto, Virginio Ferrari, Bruno Spaggiari e altri. Una "squadra" d'eccezione, per introdurre questo intrigante viaggio nella memoria, attraverso le storie, le parole ed i ricordi dei 9 piloti che l’hanno vinta: Paul Smart, Jarno Saarinen, Giacomo Agostini, Johnny Cecotto, Steve Baker, Kenny Roberts, Marco Lucchinelli, Graeme Crosby, Eddie Lawson.

Location emozionante

A circondare relatori e appassionati, durante i due appuntamenti in programma, ben ventiquattro moto originali dell’epoca, autentici gioielli tra i quali spiccano la Ducati 750SS n.16 Paul Smart (1972), la Yamaha 351 n.5 Jarno Saarinen (1973), la Yamaha 750 n.4 Giacomo Agostini (1975) e la Yamaha 750 n.2 Kenny Roberts (1978). Tutte moto provenienti dalle più importanti collezioni tematiche italiane ed estere. Per respirare a pieni polmoni tutta l'atmosfera di questa mitica competizione, a cornice dell'evento, la creativa espressione artistica di Fedro Zanetti e del suo “stravagante” team Skill Evolution e la visione dell’inedito filmato “La 200 Miglia di Imola” per la regia di Mario Fiumi e del Dott. Claudio Marcello Costa.

Autore: Redazione

Tag: Curiosità , libri


Top