Attualità e Mercato

pubblicato il 28 settembre 2015

Dieselgate Volkswagen: Ducati viene penalizzata dallo scandalo?

A Wolfsburg c'è aria di crisi e di riassetto societario, ma a Borgo Panigale non ci saranno ripercussioni

Dieselgate Volkswagen: Ducati viene penalizzata dallo scandalo?

Ducati è un marchi di proprietà del Gruppo Volkswagen e - come sappiamo - il colosso tedesco è stato coinvolto in uno scandalo legato alle emissioni di alcuni suoi motori diesel, ribattezzato Diesel Gate dalla stampa. In questi giorni siamo stati bombardati da notizie a riguardo e gli appassionati di moto si chiedono se questo trambusto si ripercuoterà in qualche modo sulla Casa motociclistica Bolognese.

Il caso

Facciamo un passo indietro e spieghiamo cosa è realmente successo: negli Stati Uniti, l'EPA (Environmental Protection Agency, agenzia di protezione ambientale) scopre che in alcuni motori Volkswagen utilizza un software della centralina capace di riconoscere le condizioni dei test di omologazione e di abbattere le emissioni solo in quel frangente, per il normale utilizzo invece le auto sono "slegate" e emettono sostanze inquinanti (il famigerato ossido d'azoto NOx che abbiamo imparato a consocere in questi giorni) dalle 5 alle 20 volte superiori rispetto al consentito. In USA, poi, le regole di omologazione sono molto più restrittive che in Europa. 
Prima circa 500.000 auto individuate, poi con ulteriori ricerche sembra si tratti di oltre 11 milioni di diesel nel mondo ad avere questo software "truccato", una quantità di auto esagerata che ha creato un vero e proprio scandalo, coinvolgendo altri paesi e - forse - anche altri marchi che avrebbero usato lo stesso espediente per consentire una facile omologazione dei mezzi. Le multe minacciate sono salatissime, le vendite sono bloccate in molti paesi e la VW sta passando i giorni peggiori della sua storia. Tutti gli aggiornamenti a riguardo li potete seguire su OmniAuto.it

Ducati non verrà penalizzata 

Tornando a noi e a Ducati, questo enorme scandalo potrebbe toccare Borgo Panigale in maniera indiretta. Come sappiamo, le moto hanno motori e cicli di omologazione molto diversi dalle auto, inoltre Ducati è un'azienda che - pur ruotando all'interno del mondo VW - produce in Italia dai fornitori che ha sempre avuto e che non hanno nulla a che fare con quelli che forniscono il mondo auto. In sostanza, Ducati non verrà mai citata come parte dello scandalo, ma potrebbe essere comunque colpita in modo marginale. Sicuramente a Wolfsburg tutti i finanziamenti sono stati congelati e se c'è qualche nuovo progetto Ducati in corso d'opera grazie al finanziamento dei tedeschi, probabilmente è stato interrotto, messo in pausa
A livello societario, Ducati non sta avendo problemi e mai ne avrà. Se non nascerà una sorta di "emissioni gate" anche nel mondo dei motori a benzina auto e moto, l'attività dell'azienda continuerà senza troppi problemi, forse un po' di rallentamenti nella nascita di progetti a lungo termine, ma questo lo scopriremo solo fra qualche tempo. 

Autore: Redazione

Tag: Attualità e Mercato , curiosità


Top