Test

pubblicato il 27 settembre 2015

Triumph Tiger 800 XRx: perché comprarla... e perché no [VIDEO]

Tre cilindri, ergonomia migliorata e quell'anteriore da 19" che la rende una vera tuttofare... vedere per credere!

Non c'è due senza... Triumph! Un gioco di parole quasi scontato se si pensa ai TRE cilindri e si parla di moto. Il Costruttore inglese infatti da sempre ha creduto in questa motorizzazione e, negli anni, il livello di affinamento ha raggiunto risultati eccezionali. La Tiger 800, dopo il debutto nel 2010 sempre in due versioni, si è rinnovata totalmente e in questo #perchécomprarla scoprirete dov'è cambiata e quanto!

Tre cilindri che passione

Al debutto, la prima generazione ha colpito subito nel segno, riscuotendo un grande successo tra gli apapssionati. Sì perchè il tre cilindri "piace" e in questa sua ultima evoluzione è ancora più efficace. I cavalli sono 95, ma è la prontezza e l'elasticità a impressionare con un range di utilizzo tra i 1.500 e i 10.000 giri capace di appagare varie tipologie di motociclisti, dal globetrotter allo smanettone della domenica. Il miglioramento più tangibile però il tre cilindri lo offre sotto il profilo dei consumi che, secondo Triumph, sono scesi del 17% e ora i 20 km con un litro non sono più un miraggio.

LA Tuttofare

Di enduro-stradali nel 2010 il mercato ne contava meno, oggi sono tante. Perché? Semplicemente perché con questa tipologia di moto si può fare davvero tutto, e bene. L'ergonomia della nuova Tiger 800 XR è stata rinnovata pensando proprio a chi utilizza una on-off, soprattutto in questa versione che si rivolge a chi macina chilometri prevalentemente su strada. Nessun problema infatti con uno sterrato leggero (ABS e controllo di trazione sono disinseribili), ma per l'enduro più spinto c'è la XC. Qui invece, con l'anteriore da 19, si frena bene grazie all'impianto Nissin supportato da un assetto fatto per la strada: la forcella infatti, anche se non è regolabile, non affonda e supporta al meglio l'handling di questa XR che vi seguirà ovunque, tra città, lavoro, viaggi e qualche piega in compagnia...

Dilemma: 19 o 21?

Questione di abitudini e portafoglio. Nel primo caso, se come il nostro Andrea, fate davvero poco off-road, la Tiger 800 XR vi conquisterà praticamente ovunque. Agile quanto basta, con un motore di carattere, pronta a tutto grazie alla ruota da 19 e, almeno nel caso della versione XRx, full-optional (tris di borse escluse) offerta a un prezzo di 11.390 euro.
Se invece siete orientati alla XC con la ruota anteriore da 21 e altre piccole modifiche orientate all'off-road non fatelo per moda, ma perché il tassellato è per voi sinonimo di avventura e viaggio dove spesso l'asfalto finisce: in tal caso quei 1.000 euro in più (a parità di allestimento rispetto alla XR) saranno ben spesi!

Autore: Redazione

Tag: Test , tricilindriche , test


Top