Curiosità

pubblicato il 29 agosto 2015

Patenti facili: Napoli, mega-truffa in Motorizzazione?

Si sospetta una frode per dare le patenti a chi non consegue gli esami

Patenti facili: Napoli, mega-truffa in Motorizzazione?

Non sanno guidare, ma hanno la patente: è possibile? Non ci sono prove né certezze né registrazioni. Solo dubbi e ipotesi al vaglio degli inquirenti. Il rischio è che parecchie mine vaganti abbiano comprato la licenza per condurre moto e auto. Succede a Napoli. Dove negli ultimi tempi ci sono stati diversi terremoti al vertice.

Motorizzazione di fuoco

Il “Mattino” parla di frenetici avvicendamenti ai vertici della Motorizzazione civile provinciale di Napoli: all'ingegner Giovanni Di Meo, che aveva svolto le funzioni di dirigente per un paio d'anni, è succeduto a giugno l'ingegner Aristodemo Pallini. Questi, venuto da Salerno, ha resistito appena 20 giorni. L'ingegnere Antonio Falco, già direttore della sede beneventana, ne ha raccolto il testimone ma, dopo una settimana, ha dato le dimissioni. Ora c’è Gaetano Servedio. Ma perché questo turbinio di poltrone? Si fanno sempre più insistenti le notizie su documenti manomessi e patenti elargite con leggerezza. Circostanze al centro di un'indagine aperta dai Carabinieri di Caserta su una truffa che riguarderebbe patenti nautiche e automobilistiche e passaggi di proprietà.

Tre filoni

Primo: si potizzano falsi collaudi e false revisioni dei mezzi. Secondo: si vocifera di una frode fiscale: a fronte di certificati che si sospettano falsi, non risulterebbero infatti i relativi pagamenti. Terzo: per le patenti automobilistiche, si registra un afflusso abnorme di candidati che venivano da fuori Napoli per sostenere gli esami nel capoluogo campano. Ma da qui a dire che c’è stata una truffa ce ne corre.

Autore: Redazione

Tag: Curiosità , curiosità


Top