Test

pubblicato il 8 agosto 2015

Yamaha MT-09 Tracer: perché comprarla... e perché no [VIDEO]

La "touring-fun-bike" che piace al mercato è davvero l'erede della mitica TDM? Scopritelo in questa video-prova!

Da subito è balzata in cima alla classifica delle moto più vendute e immediatamente i più nostalgici l'hanno battezzata come l'erede della leggendaria TDM. E' la nuova Yamaha MT-09 Tracer, una tricilindrica derivata in tutto e per tutto dalla sorella MT-09 naked alla quale però aggiunge quella versatilità che il mercato continua a richiedere. Ma come va davvero e cosa le piace fare lo scoprirete solo guardando questo #perchécomprarla, dove conoscerete pregi e difetti del best-seller di Yamaha!

1,2, Tracer

Tre cilindri e 115 CV gestiti dall'elettronica con ride-by-wire. Tutto sembra richiamare i numeri e le esuberanti doti della sorella naked, ma la Tracer in realtà è qualcosa di diverso. Per assecondare i desideri di una clientela più orientata al turismo, il D-Mode della tuttofare di Yamaha è stato rivisto, con un setup dell'elettronica addolcito che offre un'erogazione meno appuntita, con una mappa "Standard" perfetta anche per i viaggi in coppia. Se poi la strada vi dovesse portare lontano, niente paura, il serbatoio offre 4 litri in più della nuda, per un totale di 18 litri di capienza totali. Invariate le misure dei cerchi di chiara derivazione stradale, con pneumatici di misura 120/70 e 180/55.

In odor di TDM

Il look è una chiara dichiarazione di intenti: la Tracer va dritto al cuore dei clienti più dinamici, con un look vicino al nuovo family feeling di Yamaha, grazie anche ai fari full LED offerti di serie. Ma questa sportività non deriva solo dalle linee tese, ma anche dal carattere che questo tricilindrico esprime ad ogni sollecitazione del polso destro. Rispetto alla TDM, qui troviamo un assetto più rigido e e un telaio ben predisposto alla guida "allegra" (anche se il mono posteriore non è regolabile!), senza però risultare proibitivo nell'utilizzo cittadino, grazie anche a un peso contenuto a 190 kg. La predisposizione al montaggio di accessori da turismo, come le borse laterali, unite al cupolino regolabile di serie accentuano infine la sua anima tourer, anche se differente rispetto a quella della TDM.

OK, il prezzo è TRoppo giusto!

Una tuttofare di sostanza, dal look accattivante e, lo sottolineamo, un prezzo molto interessante: la MT-09 Tracer parte da 9.590 euro con ABS, Traction Control, fari a LED, cupolino regolabile e cavalletto centrale, tutto di serie. Tre le colorazioni disponibili: Matt Grey, Race Blu e il Lava Red protagonista della nostra prova. Chiaramente la concorrenza non rimane a guardare, ma se considerate le competitor più dirette a due, tre e quattro cilindri, se si guarda alle caratteristiche e al portafogli, sotto ai 10 mila euro c'è solo lei!

Autore: Redazione

Tag: Test , tricilindriche , test


Top