Attualità e Mercato

pubblicato il 5 agosto 2015

J-Juan: un nuovo protagonista nel mondo degli impianti frenanti

Ingenti investimenti da parte del marchio iberico per migliorare la qualità dei propri prodotti

J-Juan: un nuovo protagonista nel mondo degli impianti frenanti

Nel pieno di un’epoca in cui i piloti spagnoli hanno imposto e stanno imponendo con forza i loro nomi all’interno del Motomondiale, un marchio iberico specializzato nella produzione di impianti frenanti punta a rafforzare la propria presenza sul mercato mondiale delle due ruote con ingenti investimenti che mirano a consolidare la posizione dello stesso come secondo costruttore europeo del settore. Si tratta del Gruppo J-Juan, che ha deciso di impiegare una somma pari ad un milione di euro in ricerca e sviluppo allo scopo di innovare tanto i propri prodotti quanto i propri sistemi produttivi.

Supporti statali

Un investimento importante – il quale sarà inoltre supportato dal Ministero dell'Economia e della Competitività spagnolo e dal reparto R&D di IK4-IDEKO (un centro tecnologico privato situato nei Paesi Baschi attivo nel settore delle tecnologie di fabbricazione e produzione industriale) - che si pone l’obiettivo di implementare il know-how tecnologico dell’azienda iberica nell’anno del suo 50° anniversario dalla fondazione.
Forte di 450 dipendenti ubicati in diversi Paesi del Mondo (come Cina e Stati Uniti), di cui l’85% di questi impiegati sul suolo spagnolo, il Gruppo J-Juan equipaggia moltissime moto stradali e da competizione (il brand J-Juan Racing è infatti partner dei Team ufficiali SBK e MotoGP Kawasaki Factory Team e Avintia Racing Team) e punta ora a migliorare i già ragguardevoli risultati commerciali fatti segnare nel 2014: lo scorso anno infatti i volumi di vendita hanno superato i 37 milioni di euro, di cui il 50% di questi ottenuti sul mercato Europeo, il 30% sul mercato USA ed il restante 20% sui mercati Asiatici.

Un brand già noto nell’automotive

Già noto nel mondo dell’automotive, il marchio iberico è stato scelto da CBI Chassis Brakes International (una multinazionale che vanta 12 stabilimenti produttivi di impianti frenanti sparsi per il Mondo) come partner per un progetto che punta a migliorare la tecnologia produttiva degli impianti frenanti destinati ai veicoli a due e tre ruote, dedicando una particolare attenzione ai modelli destinati al mercato indiano. Chiunque desideri maggior informazioni sul Gruppo spagnolo può visitare il sito dedicato

Autore: Redazione

Tag: Attualità e Mercato , anticipazioni , freni


Top