Attualità e Mercato

pubblicato il 1 agosto 2015

Multe, sistema diabolico: sanzioni in salita

Tutto è studiato per spennarci: multe salite del 956% in tre anni

Multe, sistema diabolico: sanzioni in salita

Un sistema diabolico. Una marea di telecamere, multe notiificate a casa così in là nel tempo da non consentirci di ricordare l’infrazione commessa. E alla fine, ricorsi costosi e difficili, così che i comuni possano incassare quasi un miliardo e mezzo di euro l’anno in contravvenzioni.

In dettaglio

Il più alto incremento di multe di tutta Europa è in Italia, in ragione del 956%. I numeri sono stati elaborati dal Centro Studi e Ricerche Sociologiche “Antonella Di Benedetto” per Contribuenti.it, cioè l’Associazione contribuenti Italiani. Sono stati elaborati i dati delle polizie locali e stradali dei singoli stati dell'Ue, riscontrando che il caso italiano non ha eguali in tutta l’Unione Europea. Nell’ultimo triennio le multe sono cresciute del 976% nel Nord Est, del 971% nel Centro, del 926% nel Nord Ovest, del 921% nel Sud e del 896% nelle Isole. A Milano e Napoli viene elevata una multa ogni 10 secondi. Sì, a parole è facile: basta rispettare il Codice della strada. Ma nei fatti, se c’è un autovelox trappola, o se i cartelli sono invisibili, allora diventa difficilissimo destreggiarsi nella giungla dei divieti.

Ricorsi, un caos

Per giunta, per fare ricorso al giudice di pace occorre sborsare 43 euro di tassa allo Stato. Il secondo boomerang è che, se si vince l’opposizione al giudice di pace, non è dato sapere né come né quando quei denari verranno restituiti dai comuni. Una strategia ottima per fare cassa. In alternativa, esiste la via del prefetto; ma se perdi, la multa raddoppia...

Autore: Redazione

Tag: Attualità e Mercato , autovelox


Top