Novità

pubblicato il 17 luglio 2015

Ural Sportsman Package 2016

Con questi accessori, potreste affrontare anche una viaggio nelle terre sconfinate della Grande Madre Russia

Ural Sportsman Package 2016
freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • Ural Sportsman Packaga 2016 - anteprima 1
  • Ural Sportsman Packaga 2016 - anteprima 2
  • Ural Sportsman Packaga 2016 - anteprima 3
  • Ural Sportsman Packaga 2016 - anteprima 4
  • Ural Sportsman Packaga 2016 - anteprima 5
  • Ural Sportsman Packaga 2016 - anteprima 6

Immaginate di essere nella taiga russa, fra boschi, grandi prati e nessun cenno di civiltà evoluta. Il tramonto lascia spazio alla notte, che scende lentamente assieme al freddo e agli ululati dei lupi, siete decisamente in pericolo e quello di cui avete bisogno è un mezzo capace di affrontare i terreni peggiori e di portarvi in un villaggio sicuro. In questa situazione, la miglior scelta potrebbe essere la nuova Ural Sportsman Package 2015, una moto perfetta per un'avventura degna di un film di Tarkovskij.

La storia della Russia in una moto

La Ural la conosciamo bene, si tratta di un vero e proprio pezzo di storia russa, rimasta quasi invariata dall'anno dell'esordio nel 1940. Ha la trazione anche sulla terza ruota, quella del carrozzino, e il motore boxer - originariamente costruito su specifiche BMW - è arrivato fino ai giorni nostri senza particolari modifiche.
Le più grandi differenze dalla prima versione sono soprattutto ciclistiche con freni più moderni ed efficienti (l'ultima versione monta un impianto Brembo) e l'iniezione elettronica, necessaria per l'omologazione Euro3 per la vendita in Europa e USA. Da quest'anno inoltre il Sidecar è diventato di interesse storico in Italia, dato che i primi esemplari sono stati importati nel 1994.

Per viaggiare senza limiti

Tornando alla specifica versione Sportsman, non possiamo che vedere una moto quasi militare, un mezzo che potrebbe essere scambiato per quello di un esercito soprattutto per la colorazione "Forest Fog" un verde quasi nero, molto opaco e grezzo, ideale per un mezzo d'avventura di questo tipo. Rispetto alla Ural standard, ha delle coperture in tela per passeggero e pilota e il faro anteriore full LED, con LED diurni e una serie di faretti orientabili che aiutano a capire meglio come uscire dal fitto bosco in una notte di luna nuova.
Anche il motore e il cambio sono verniciati in scuro e ci son oparacolpi che proteggono moto e carrozzino dalle insidie della natura selvaggia. Il fondo e il telaio hanno un rivestimento ceramico che migliora la resistenza agli urti. Non abbiamo notizie sulla tiratura di questa moto e non sappiamo quali siano effettivamente gli esemplari che arriveranno in Italia, ma se siete interessati a vivere un'avventura come quella descritta sopra, informatevi subito per portarvela a casa.

Autore: Redazione

Tag: Novità , anticipazioni , sidecar


Top