Attualità e Mercato

pubblicato il 25 giugno 2015

KTM è al lavoro sulla RC16 MotoGP e stradale

Stefan Pierer, presidente del brand austriaco, conferma il progetto e prevede la replica stradale nel 2018

KTM è al lavoro sulla RC16 MotoGP e stradale
freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • KTM RC8 R 2011 - Foto statiche - anteprima 1
  • KTM RC8 R 2011 - Foto statiche - anteprima 2
  • KTM RC8 R 2011 - Foto statiche - anteprima 3
  • KTM RC8 R 2011 - Foto statiche - anteprima 4
  • KTM RC8 R 2011 - Foto statiche - anteprima 5
  • KTM RC8 R 2011 - Foto statiche - anteprima 6

Mentre il mondo si chiede se la Honda RC 213 V-S sia all'altezza del nome che porta con i suoi 159CV di omologazione (102 per gli USA), il boss di KTMStefan Pierer ha parlato del futuro del brand austriaco in MotoGP e della versione stradale che dovrebbe derivare dalla moto che correrà nel Motomondiale. Ha parlato al celebre magazine sportivo Speedweek confermando che la presunta RC16 da gara avrà una derivata stradale molto esclusiva, ma non parteciperà alla gara delle superpotenze. 

La RC16 si farà!

Pierer è convinto del fatto che le moto stradali stanno diventando troppo potenti e non ha intenzione di far seguire questa strada a KTM. La corsa alle superpotenze non è nello stile austriaco, come successo con la superbike RC8, mai al livello della concorrenza come prestazioni ma bella da vedere e da guidare, anche se non ha avuto il successo sul mercato che si sarebbe meritata. La nuova 4 cilindri arriverà nel mondiale probabilmente nel 2017 e la sua derivata stradale con motore V4 da 1000cc debutterà nel 2018 sul mercato. 
Pierer non si lascia prendere troppo dai dettagli che avrà la futura MotoGP Replica, ma ipotizza una produzione da 150 a 200 esemplari per un prezzo finale intorno ai 140.000 euro, ma con tecnologia assente nella concorrenza di questo livello come valvole pneumatiche e cambio seamless. 

Meglio andare cauti

Come si può sposare il concetto di una MotoGP stradale "Ready to Race" con la critica alle moto troppo potenti che stanno invadendo il mercato? Per il momento le idee rimangono confuse e non c'è proprio bisogno di fasciarsi la testa: KTM deve ancora confermare l'iscrizione in MotoGP per il 2017 e il 2018 non è proprio dietro l'angolo, quindi ci riserviamo un altro po' di tempo prima di avanzare ipotesi che siano coerenti con quello che effettivamente vedremo sul mercato in futuro. La vera notizia è che Pierer ha confermato che i tecnici sono al lavoro e che quindi è molto probabile che tutto questo diventi reale.

Autore: Redazione

Tag: Attualità e Mercato , motogp , superbike


Top