Attualità e Mercato

pubblicato il 11 giugno 2015

Omicidio stradale, eccolo!

Il Senato dice sì: con il benestare della Camera, sarà definitivo

Omicidio stradale, eccolo!

Tempi duri per chi guida ubriaco. Il Senato ha approvato il disegno di legge relativo all’omicidio stradale, quasi volontario, che va a sostituirsi all’omicidio colposo, per così dire “involontario”. Adesso, un incidente dovuto ad alcol o droga verrà punito molto più severamente, non appena la Camera darà l’ok. 

L’omicidio stradale vero e proprio

Il nuovo articolo 589-bis del codice penale (omicidio stradale) prevede la reclusione da 8 a 12 anni per omicidio colposo (dovuto a imprudenza) commesso da un qualunque conducente di un veicolo a motore in stato di ebbrezza alcolica, con un tasso alcolemico superiore a 1,5 grammi per litro o di alterazione psico-fisica conseguente all'assunzione di sostanze stupefacenti. La pena viene diminuita da 7 a 10 anni di carcere se l'omicidio colposo stradale viene commesso: in stato di ebbrezza alcolica con tasso alcolemico superiore a 0,8 ma non superiore a 1,5 grammi per litro (g/l); superando in modo consistente i limiti di velocità.

Persone ferite

Il nuovo articolo 590-bis del codice penale (lesioni personali stradali) prevede una pena da reclusione da 2 a 4 anni in caso di lesioni personali provocate in stato di ebbrezza alcolica, con un tasso alcolemico superiore a 1,5 grammi per litro o di alterazione psico-fisica conseguente all'assunzione di sostanze stupefacenti. La pena viene ridotta da 9 mesi a 2 anni di carcere se il reato viene commesso: in stato di ebbrezza alcolica con tasso alcolemico superiore a 0,8 ma non superiore a 1,5 grammi per litro (g/l); superando in modo consistente i limiti di velocità; passando con il rosso o circolando contromano; effettuando manovre di inversione del senso di marcia in prossimità o in corrispondenza di intersezioni, curve o dossi, sorpassando un altro mezzo in corrispondenza di un attraversamento pedonale o di linea continua.

Patente, quasi addio

Per i reati di omicidio stradale e di lesioni personali stradali consegue la revoca della patente, anche in caso di richiesta di patteggiamento. In caso di omicidio stradale l'interessato non può conseguire una nuova patente di guida prima che siano decorsi 15 anni dalla revoca. Il termine viene elevato a 20 anni nel caso in cui l'interessato sia stato in precedenza condannato per i reati di guida in stato di ebbrezza (con tasso alcolemico superiore a 0,8 g/l) o sotto l'effetto di droghe.

Autore: Redazione

Tag: Attualità e Mercato , sicurezza , codice della strada , trasporti


Top