Attualità e Mercato

pubblicato il 3 giugno 2015

Tangenziale est esterna Milano e Brebemi: l’accoppiata "per chi ha i soldi"

O la vecchia tangenziale e l’A4 oppure la nuova Teem con la Brebemi

Tangenziale est esterna Milano e Brebemi: l’accoppiata "per chi ha i soldi"

Traffico, code, incidenti, smog alle stelle. Stress, nevrosi da incolonnamenti, carburante sprecato. Parliamo della vecchia Tangenziale est di Milano: basta percorrerla in orario di punta per restarne “traumatizzati”: per chi va in auto, è una trappola. Ma è pericolississima pure per chi va in moto. Adesso, c’è la nuova Teem, Tangenziale est esterna di Milano.

Quali proclami

"Il sistema autostradale lombardo sta offrendo risultati molto importanti e i dati di traffico della Tangenziale Est esterna di Milano - con 40.000 passaggi al giorno - rappresentano un punto di forza”. Lo ha detto l'assessore regionale alla mobilità Alessandro Sorte, a margine dell’incontro che ha esaminato lo stato dell'arte delle opere connesse oltre al piano economico finanziario. E la Teem “offre un flusso di traffico in crescita alla Brebemi". Ossia alla Brescia-Bergamo-Milano. Che è la parallela all’A4 gestita da Autostrade per l’Italia. Il progetto definitivo per l'interconnessione di Brebemi con la A4 a Brescia, in attesa dell'autorizzazione del Cipe, renderà, sul quadrante a Est, più funzionale il traffico lungo A35 Brebemi, migliorando sensibilmente i flussi.

Coppia che scoppia

“Le opere di interconnessione appena aperte, come quella con la Teem, quelle pronte a partire in questi giorni e quelle in programma nel prossimo futuro, come quella con l’A4 nell’area di Brescia, sono in linea con il progetto approvato originariamente e contribuiranno ad accrescere il numero di auto e camion sulla nuova infrastruttura e a confermare la A35 Brebemi come un’autostrada moderna, veloce, sicura ed efficiente all’interno del panorama viabilistico italiano” ha affermato il presidente della Brebemi, Francesco Bettoni.

Valutazioni

E così, a Milano, la scelta è semplice. Da una parte, la Tangeziale est che già esiste da tempo costa poco, ma dà anche poco. Connessa all’A4, anch’essa con pedaggio non elevatissimo (ma il rapporto qualità/prezzo è discutibile). Dall’altra, la Tangenziale est esterna, la Teem, che costa parecchio, da accoppiare magari alla Brebemi. La scelta va ponderata: risparmiare parecchio come pedaggio? Oppure spendere di più ma pagare di più in termini di carburante? Stare in coda in Tangenziale est o avere via libera (pagando di più) sulla Teem? È quasi una spaccatura, fra chi se lo può permettere, e chi no.

Autore: Redazione

Tag: Attualità e Mercato , trasporti , grandi opere


Top