Attualità e Mercato

pubblicato il 22 maggio 2015

Gas Gas presenta istanza di fallimento

Brutte notizie per il mondo del fuoristrada. 30 milioni di debito non consentono al brand spagnolo di continuare a produrre

Gas Gas presenta istanza di fallimento

Qualche settimana fa abbiamo comunicato la chiusura di Erik Buell Racing e, purtroppo, si aggiunge un altra notizia di questo genere. Nelle scorse ore il brand di moto fuoristrada spagnolo Gas Gas ha annunciato la bancarotta e la presentazione dell'istanza di fallimento. È un nome fra quelli importanti nel mondo dell'off-road, apprezzatissima dai piloti più esigenti e titolare di diversi titoli nelle competizioni internazionali per gomme tassellate.

La crisi miete un'altra vittima

La notizia arriva dopo alcuni "segnali" degli scorsi mesi e dalla conferma di un debito di circa 30 milioni sulle spalle dell'azienda. Nel 2014 in effetti gli investimenti da parte di Gas Gas sono stati consistenti, acquistando i motori monocilindrici BMW-Husqvarna e relativi progetti, ma anche assorbendo la Ossa, altra casa spagnola risorta da poco ma da subito in difficoltà.
Le operazioni di investimento non sono bastate e la produzione non è decollata, per questo la proprietà potrà prendere la decisione di chiudere definitivamente la produzione o trovare un acquirente in grado di ripagare il debito pendente e confermare i numeri di produzione di 9.000 unità all'anno, che non sono assolutamente trascurabili di questi tempi. 
Proprio per l'ottima reputazione del prodotto e per le vendite tutto sommato consistenti, sembra che ci siano diverse realtà interessate (una di queste potrebbe essere KTM) ma il peso del debito è davvero grosso e non si sa quali trattative potrebbero effettivamente andare in porto. Non sappiamo precisamente quante persone lavorino alla Gas Gas, ma ci piacerebbe davvero vederle continuare nel loro lavoro con una nuova proprietà senza lasciare alcun dipendente a casa. 

Autore: Redazione

Tag: Attualità e Mercato , enduro , cross


Top