Curiosità

pubblicato il 26 aprile 2015

BMW partner del Dynamo Camp per ridare il sorriso ai bambini

Ecco la magia di una struttura in cui i minori affetti da gravi patologie possono vivere una settimana di spensieratezza e crescita personale

BMW partner del Dynamo Camp per ridare il sorriso ai bambini
freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • Dynamo Camp - anteprima 1
  • Dynamo Camp - anteprima 2
  • Dynamo Camp - anteprima 3
  • Dynamo Camp - anteprima 4
  • Dynamo Camp - anteprima 5
  • Dynamo Camp - anteprima 6

E’ stato il teatro scelto da BMW Motorrad per la presentazione della R 1200 RS (di cui vi parleremo a breve) e rappresenta un luogo unico nel suo genere in Italia, e non solo. Stiamo parlando del Dynamo Camp, una struttura situata nel cuore della Toscana in quel di Limestre (in provincia di Pistoia), all’interno di un’oasi affiliata addirittura WWF e che ha un compito che definire nobile è usare un eufemismo: ridare il sorriso ai bambini affetti da gravi patologie.

Gratuito e pensato per i bambini e ragazzi da 6 a 17 anni

Pensato per rivolgersi, in maniera completamente gratuita, a bimbi e ragazzi di età compresa tra 6 e 17 anni, il Dynamo Camp ha sino ad ora ospitato, dalla sua apertura nel 2007, 5.830 bambini, 859 famiglie, oltre a 63 differenti patologie e può contare sull’aiuto di ben 3.198 volontari. Numeri questi messi in campo allo scopo di ridare sicurezza a tutti quei minori che presentano malattie di tipo oncoematologiche e che devono superare il periodo della terapia e della post-ospedalizzazione.
Fine ultimo del Camp è quindi quello di far trascorrere ai degenti delle giornate allegre e spensierate, mettendo tutti gli ospiti a contatto tra loro e permettere agli stessi di condividere le proprie esperienze senza sentirsi a disagio, oltre che di svagarsi in totale serenità con diverse attività ricreative e sportive.

Un’oasi di pace

In Italia infatti, ogni anno, oltre 10.000 minori devono fare i conti con patologie gravi o croniche e naturalmente con le conseguenti lunghe ed invasive terapie, che costringono chi ne è affetto a lunghi e sgraditi periodi in ospedale, che hanno effetti negativi su umore e relazioni sociali. E qui arriva il Dynamo Camp è divenuto realtà: permettere a questi bambini di trascorre una settimana di totale spensieratezza all’interno di una struttura dotata di assistenza medica specializzata ma collocata nel cuore di una vera e propria oasi di pace ove potersi aggregare. Se le 2007 queste sessioni da una settimana erano 3 e si potevano occupare di 30 bambini ciascuna, oggi le sessioni nell'anno sono 18 per 90 bambini ognuna.
Pensato per rivolgersi anche all’intero nucleo familiare che si è trovato a fare i conti con una situazione delicata, il Dynamo Camp propone una serie di programmi specifici della durata di tre giorni (dal venerdì alla domenica) finalizzati a permettere ai bambini qui ospitati non solo di familiarizzare con gli altri utenti, ma anche di vivere un approccio diverso con genitori e fratelli.

Ognuno può fare la propria parte

Una missione veramente nobile insomma quella di cui BMW è partner, ma il cui solo appoggio non basta, richiedendo così l’aiuto di tutti: per permettere infatti a un bambino malato di accedere al Camp è infatti necessario donare allo stesso il proprio 5x1000 tramite scheda CU, 730 o Modello Unico. Un piccolo sforzo insomma per permettere a chi è in difficoltà di ritrovare il sorriso e di vivere una settimana di rinascita lontano dai pensieri e dalle spiacevoli routine ospedaliere. Per altre info, visitate il sito Dynamo Camp.

Autore: Redazione

Tag: Curiosità


Top