Attualità e Mercato

pubblicato il 1 aprile 2015

Bosch investe con "Two-Wheeler and Powersports"

La nuova business unit punta a moto e scooter più intelligenti, sicure ed ecologiche

Bosch investe con "Two-Wheeler and Powersports"
freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • Bosch investe con \
  • Bosch investe con \
  • Bosch investe con \
  • Bosch investe con \
  • Bosch investe con \

Moto connesse, sempre più intelligenti ed in grado di interagire con gli altri veicoli ed i vari utenti della strada. E’ questa la prossima frontiera dell’elettronica verso cui guarda anche Bosch, in quanto intenzionata a creare una nuova business unit denominata "Two-Wheeler and Powersports", volta a incorporare le attività che riguardano i sistemi di sicurezza, di alimentazione e di visualizzazione delle informazioni su due ruote.

Sizurezza prima di tutto

Il Gruppo tedesco punta infatti a consolidare il suo know-how nel campo delle due ruote, allo scopo di promettere “maggior efficienza e sicurezza – dichiara Dirk Hoheisel, membro del Consiglio di Amministrazione di Bosch - la tecnologia Bosch deve essere integrata in tutte le auto e, in futuro, lo stesso dovrà valere anche per le motociclette. Puntiamo a diventare un fornitore leader anche nel mercato delle due ruote”. La business unit “Two-Wheeler and Powersports” farà parte del settore di business Bosch Mobility Solutions, con sede principale a Yokohama, in Giappone, e filiali negli Stati Uniti, in Europa, in India e in Cina e si occuperà anche di veicoli speciali, come quad, moto d'acqua e motoslitte.

Gli obiettivi nei 5 anni

Ma perché investire in un progetto simile? Perché a livello mondiale si registra un incremento della richiesta di soluzioni di mobilità accessibili e ciò fa aumentare anche la domanda di veicoli a due ruote. Le previsioni per il 2021 indicano infatti una produzione di motociclette pari a 160 milioni di esemplari all'anno, ovvero un terzo in più rispetto ad oggi. Previsioni che portano Bosch ad investire al fine di raddoppiare, entro il prossimo quinquennio, la produzione di sistemi di sicurezza, di alimentazione e di infotainment. Gran parte di tale crescita interesserà l'Asia: nel 2021 infatti, quasi il 90% delle due ruote – principalmente veicoli con cilindrata fino a 250 cc - sarà prodotto in Cina, India e Sud-est asiatico.

Ecologia e connettività

In ottica di sviluppo Bosch si sta impegnando a ridurre i consumi di carburante e a rendere le due ruote sempre più connesse. In Asia, molti veicoli a due ruote con motori a combustione interna sono infatti ancora equipaggiati con un semplice carburatore, mentre i sistemi di iniezione elettronica possono permettere di abbattere i consumi di carburante fino al 16%. Ma il futuro ovviamente è un altro. Il Gruppo tedesco sta dotando le due ruote di intelligenza digitale con soluzioni per il controllo del motore che, abbinate ad una app per smartphone, consentono di attivare l'immobilizer o di leggere la memoria guasti.

Autore: Redazione

Tag: Attualità e Mercato , tecnologia , sicurezza


Top