Curiosità

pubblicato il 14 gennaio 2015

Peggio un motociclista veloce, che un automobilista drogato...

Ecco una sentenza molto discutibile, che però vede sempre la sicurezza come protagonista

Peggio un motociclista veloce, che un automobilista drogato...

La questione è semplice. anni fa, un motociclista, procedendo a velocità elevatissima, aveva invaso la semicarreggiata opposta senza che l’automobilista avesse il tempo di porre in essere un’efficace manovra di emergenza. Ma l’automobilista stesso fu poi indagato per il reato di guida in stato di alterazione psico-fisica per uso di sostanze stupefacenti e punito dall’articolo 187 del Codice della Strada. Questa cosa ha inciso sul sinistro? Stando al tribunale di Reggio Emilia, no. È irrilevante il fatto che l’automobilista sia stato indagato per il reato di guida sotto l’effetto di droghe. La condotta di guida dell’automobilista non era stata diversa da quella di un qualunque soggetto in piena lucidità. Parole dei giudici.

Droga, vecchio terribile guaio italiano

I giudici altro non fanno che applicare le leggi. E le norme in materia di droga al volante, in Italia, sono poco chiare. Vediamo l’articolo 187 del Codice della Strada: chiunque guida in stato di alterazione psico-fisica dopo aver assunto sostanze stupefacenti o psicotrope è punito con l'ammenda da euro 1.500 a euro 6.000 e l'arresto da sei mesi ad un anno. All'accertamento del reato consegue in ogni caso la sanzione amministrativa accessoria della sospensione della patente di guida da uno a due anni. Cosa vuol dire? Tutto e nulla. Perché occorre valutare se la droga è stata assunta subito prima di guidare (e allora si è colpevoli) oppure parecchi giorni prima (e allora il drogato la passa liscia).

Morale della favola

Se in moto (o su un altro mezzo) guidate violando pesantemente il Codice della Strada, e fate un sinistro con un guidatore drogato, sappiate che le colpe ricadranno, con ogni probabilità, su di voi. Anche perché è difficile capire in quale momento l’altro conducente si sia drogato, se un minuto prima del sinistro, o una settimana prima.

Autore: Redazione

Tag: Curiosità , sicurezza , codice della strada , multe


Top