Attualità e Mercato

pubblicato il 28 dicembre 2014

Alcoltest: la Cassazione chiarisce…

Importante sentenza della Corte suprema sull’etilometro e le relative norme

Alcoltest: la Cassazione chiarisce…

Alcoltest, interviene la Cassazione con sentenza 49.740 del 28 novembre 2014: le due prove vanno effettuate a un intervallo di tempo di 5 minuti. La ragione di questa norma? La necessità di monitorare al meglio la curva alcolemica, così da confermare, a di là di ogni ragionevole dubbio, che il soggetto presenti nel sangue un tasso di alcol superiore al consentito; tale esigenza però comporta solo che detto termine non possa non essere rispettato quale intervallo minimo tra le due misurazioni, non già che il lasso temporale non possa superare quella durata. E dalla seconda evenienza l'imputato potrebbe anche trarre il vantaggio di poter usufruire di un minor valore, a causa della caduta della parabola del tasso alcolemico.

Questione di volume

Ma ecco la parte più calda: il reato di guida in stato di ebbrezza è configurabile anche quando lo scontrino dell'alcoltest, oltre a riportare l'indicazione del tasso alcolemico in misura superiore alle previste soglie di punibilità, contenga la dicitura "volume insufficiente". Questa compare quando la durata della espirazione è più breve del dovuto ma tuttavia ugualmente sufficiente alla misurazione, posto che se non fosse a ciò sufficiente comparirebbe la scritta "ripetere test". Il manuale delle istruzioni d'uso dell'apparecchio (almeno nel caso esaminato) dice che la necessità della ripetizione del test si pone soltanto quanto lo strumento espressamente lo richieda.

Difficile sfuggire alle multe

Per tutte queste ragioni, trovare un vizio di forma è difficile, e quindi è difficile sfuggire queste multe: 527 euro qualora sia stato accertato un valore corrispondente a un tasso alcolemico superiore a 0,5 e non superiore a 0,8 grammi per litro. Più la sospensione della patente di guida da tre a sei mesi, e la sottrazione di 10 punti-patente. Invece, 800 euro e arresto fino a sei mesi, se viene individuato un valore superiore a 0,8 e non superiore a 1,5 grammi. E sospensione della patente da sei mesi a un anno e il taglio di 10 punti-patente. Infine, sanzione di 1.500 euro, arresto da sei mesi a un anno, per un valore superiore a 1,5 grammi per litro (più la sospensione della patente da uno a due anni).

Autore: Redazione

Tag: Attualità e Mercato , sicurezza , codice della strada , incidenti , alcol , multe


Top