Attualità e Mercato

pubblicato il 23 dicembre 2014

Bollo veicoli storici: è deciso, si paga fino a 30 anni

Questo è il Buon Natale del Governo Renzi a tutti i possessori di veicoli con meno di 30 anni

Bollo veicoli storici: è deciso, si paga fino a 30 anni
freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • Le moto di interesse storico del 2014 - anteprima 1
  • Le moto di interesse storico del 2014 - anteprima 2
  • Le moto di interesse storico del 2014 - anteprima 3
  • Le moto di interesse storico del 2014 - anteprima 4
  • Le moto di interesse storico del 2014 - anteprima 5
  • Le moto di interesse storico del 2014 - anteprima 6

Matteo Renzi si è insediato promettendo la Luna agli automobilisti. Accorpamento Pubblico registro automobilisti (che è gestito dall’Automobile club d’Italia)-Motorizzazione, introduzione del reato di omicidio stradale, rimodulazione del bollo veicoli, revisione Imposta provinciale di trascrizione. Senza dimenticare l’eliminazione del superbollo per le auto oltre i 250 CV dato che, come è noto a tutti, quella pegge aveva fato più danni che altro. Risultato? Leggete in basso.

Mazzata mortale

Con la legge stabilità, va in scena la vergogna del Governo Renzi: i veicoli storici con più di 20 anni e meno di 30 anni dovranno pagare il bollo, anche se iscritti a FMI (moto) e ASI (auto). Fine delle esenzioni (o delle agevolazioni) e, per buona parte dei mezzi, vorrà dire deprezzamento, esportazione o demolizione. Adesso, proprio come per il superbollo del Governo Monti, ci sarà la fuga all’estero dei veicoli storici con meno di 30 anni, tutelati fino a ieri, uccisi domani. Viene devastato il settore della riparazione, degli artigiani, dei carrozzieri, dei meccanici: tutto l’indotto che ruota attorno ai veicoli over 20 e under 30.

Renzi e Monti, a braccetto…

Così, il parallelo fra Monti e Renzi, il tecnico e il nuovo, è sempre più forte. Si presentano come innovatori, e si trasformano in politici della prima Repubblica, peggio dei classici politici degli anni addietro. Nessuna norma a favore del mercato dei veicoli, né nuovi né usati. E una legnata perfino a chi adora la propria moto vecchia, o l’auto storica: la passione calpestata, il sentimento sacrificato in nome di chissà quali interessi dato che, i meglio informati, parlano di perdita e non di guadagno per lo Stato. E chi ha fato sacrifici per mantenere la propria auto o moto storica efficiente? La risposta la sapete già. 

Autore: Redazione

Tag: Attualità e Mercato , epoca , bollo


Top