Attualità e Mercato

pubblicato il 12 dicembre 2014

Scooter sharing, ci siamo!

Dal 21 marzo 2015 a Milano si potrà circolare con gli scooter in affitto

Scooter sharing, ci siamo!

Non solo auto in condivisione (car sharing), non solo Fiat 500 rosse di Enjoy e Smart di Car2go: adesso arriva lo scooter sharing. Dal 21 marzo 2015 a Milano si potrà circolare con gli scooter in affitto. Lo ha annunciato l’assessore alla Mobilità Pierfrancesco Maran: il nuovo servizio di scooter sharing sta per essere avviato operativamente e in questi giorni se ne parla un po' di più, dato anche lo sciopero generale che ha messo in ginocchio i trasporti nelle grandi città.

Quali tappe

Entro dicembre, la Giunta comunale darà il via libera a un “avviso pubblico” che entro gennaio farà scattare le candidature per la gestione. L’obiettivo e è quello di attivare nella fase iniziale non oltre 1.500 scooter, ma di arrivare comunque a fornire il servizio anche oltre il territorio comunale. Il tutto prima dell’avvio di Expo 2015. Una volta avuto l’ok della Giunta, il Comune darà subito il via l’avviso pubblico: una sorta di bando che contiene le regole di ingaggio per i privati pronti a investire nel mercato dei motorini a noleggio.

Come funzionerà

Come con il car sharing, chi rispetterà le regole d’ingaggio (anche più di un operatore) avrà il via libera per avviare il servizio. Con quali tariffe? Saranno molto simili a quelle delle auto a consumo e dovrebbero aggirarsi fra i 25 e i 30 centesimi al minuto. Pareva che fossero interessati al bando Eni-Piaggio, Yamaha e gli spagnoli di Motit: ora vedremo se parteciperanno al bando. Ci sarà poi da risolvere la questione casco: l’utente dovrà portarselo da casa? Oppure sarà fornito col veicolo? In questo secondo caso, non ci sarà nessun problema di igiene personale, visto il ricambio continuo di utenti? 

Eq più forti

Intanto, il Comune di Milano ha potenziato la mobilità dei quadricicli elettrici “Eq-sharing". Da dicembre questi veicoli possono essere parcheggiati anche lontano dai loro stalli, ma solo all'interno di Area C. Fino a maggio, poi, saranno attivate dodici “isole digitali” nuove cioè punti di noleggio (Leonardo da Vinci-Ampère, Segrino-Thaon di Revel, Niguarda-Ca' Granda, stazione Bovisa-Alfieri, Certosa FS-Fattori, Lambrate FS-Pacini, Imbonati-Monte San Genesio, Medaglie d'Oro-Lodi, Larga-Università Statale, Monza-Precotto, Bande Nere-Orsini e Famagosta, in corrispondenza della fermata della metropolitana verde). In previsione anche una crescita dei punti di ricarica: oltre 200. Oltre agli abbonamenti annuale e settimanali, sono introdotti i “pacchetti aziende” (da 100 euro per10 abbonamenti annuali) o da 50 euro (10 settimanali). Gli studenti patentati iscritti in qualsiasi ateneo lombardo potranno invece avere una tessera annuale da 10 euro, con 15 euro di traffico. “Il costo del servizio - dice il Comune -, resta di 0.13 € al minuto e di 20 € per tutta la giornata. È inoltre in fase di progettazione un’app che consentirà di prenotare l’auto con il proprio smartphone”.

Autore: Redazione

Tag: Attualità e Mercato


Top