Attualità e Mercato

pubblicato il 3 novembre 2014

Multe, sconto con incubo

Vuoi la riduzione del 30% sulla sanzione? Preparati alle clausole maledette

Multe, sconto con incubo

In teoria è tutto facile: con la moto commetti involontariamente un’infrazione, ti arriva la multa a casa, la paghi con lo sconto del 30% sbrigandoti entro 5 giorni dalla notifica. Già, ma poi vai a vedere lacci e lacciouli, cavilli e commi, e scopri noie insospettabili: in particolare, chi paga le sanzioni stradali con l'home banking - evidenzia poliziamunicipale.it - deve prestare attenzione alla data della valuta per non perdere i benefici connessi alle quietanze tempestive come lo sconto del 30% o il pagamento in misura ridotta. Ma non saranno i giudici contabili a sindacare sull'effetto liberatorio del pagamenti elettronici.

Interviene la Corte dei conti

A chiarire il tutto, a dimostrazione che la regola è complicatissima, è stata la Corte dei conti dell'Emilia Romagna con la deliberazione numero 195 del 16 ottobre 2014. Il pagamento tempestivo delle multe stradali è una condizione per accedere ad una serie di benefici come lo sconto o il pagamento ridotto entro 60 giorni. A causa del proliferare dei sistemi di pagamento remoto però alcuni comandi hanno rilevato irregolarità tra la data della valuta e l'effettuazione dell'operazione. I sistemi gestionali delle procedure sanzionatorie spesso non sono in grado di verificare entrambi questi elementi e per questo motivo l'Unione dei comuni delle colline matildiche ha richiesto chiarimenti alla Corte dei conti.

La data giusta

La corretta individuazione della data in cui il pagamento deve considerarsi eseguito a parere dei giudici contabili ha un rilievo solo indiretto nella procedura contabile trattandosi di una tematica attinente al diritto civile. In pratica non spetta alla Corte dei Conti valutare la questione che potrà essere chiarita solo dall'organo di coordinamento dei servizi di Polizia Stradale. Insomma, ci fosse una regola una scritta in modo semplice, e senza trappole, per chi guida...

Autore: Redazione

Tag: Attualità e Mercato , codice della strada , multe


Top