Sport

pubblicato il 2 novembre 2014

Superbike 2014, Losail: Guintoli è Campione del Mondo con Aprilia!

Il pilota dell'Aprilia completa la doppietta e supera di sei punti Sykes, terzo dietro a Rea

Superbike 2014, Losail: Guintoli è Campione del Mondo con Aprilia!

Con la vittoria di gara 1, Sylvain Guintoli si è guadagnato la possibilità di avere il suo destino nelle proprie mani e il francese dell'Aprilia ha sfruttato questa grande occasione laureandosi campione del mondo della Superbike al termine di una rimonta entusiasmante: negli ultimi tre round, infatti, è riuscito a recuperare ben 44 punti su Tom Sykes. Un gap che sembrava quasi una sentenza a favore del pilota della Kawasaki quando la serie aveva lasciato Laguna Seca.

Per celebrare la sua prima doppietta in SBK il francese ha scelto il weekend giusto e se nella gara inaugurale di Losail aveva adottato una tattica accorta, nella seconda ha attaccato dall'inizio alla fine, imponendo un ritmo assolutamente insostenibile per tutti gli altri, dopo aver preso il comando delle operazioni nel corso della quinta tornata.

A suon di giri veloci, addirittura sotto alla barriera dell'1'58", "Guinters" si è costruito un vantaggio di quasi 5" nei confronti degli inseguitori, capitanati per buona parte della corsa dal grande sconfitto Tom Sykes: il britannico oggi non ha potuto davvero nulla contro l'autorità con cui Guintoli si è imposto in entrambe le manche su una pista che era poco adatta alla sua ZX-10R ed ha visto sfumare per soli sei punti un titolo che solo due mesi fa pareva in cassaforte. Un'altra mazzata dopo quello che gli era sfuggito per appena mezzo nel 2012.

Anzi, nel finale è arrivata anche la beffa di non essere riuscito a mantenere neppure la seconda posizione di gara 2, arrendendosi all'attacco di Jonathan Rea, che probabilmente con la sua Honda è riuscito a gestire meglio le gomme, regalando una grande delusione a quello che sarà il suo compagno di squadra nella prossima stagione. Un risultato importante però per il britannico, che in questo modo ha chiuso terzo nel Mondiale.

Ovviamente l'attenzione è stata tutta incentrata sulla guerra di nervi tra i due contendenti al titolo, ma è stata molto bella anche la lotta per la quarta posizione, che alla fine ha premiato l'altra Aprilia di Marco Melandri. Anche per il ravennate stasera ci sarà festa, visto che la doppietta di Guintoli ha regalato pure il titolo Costruttori alla Casa di Noale.

Melandri ha preceduto in volata la Ducati di Chaz Davies e l'altra Aprilia di Toni Elias. Dopo le storie tese di gara 1, Loris Baz questa volta invece si è autoescluso dalla contesa alla prima curva, arrivando lunghissimo alla prima curva insieme a Leon Haslam. Il francese della Kawasaki comunque ha rimontato fino alla settima posizione, mettendosi dietro pure la Ducati di Davide Giugliano: l'italiano deve aver chiesto troppo alle gomme nei primi giri e poi è precipitato indietro in classifica.

Completano la top ten Alex Lowes ed Haslam, mentre l'avventura in SBK di Eugene Laverty si è conclusa con un ritiro. Tra le EVO, David Salom ha dato ancora più sapore al Mondiale conquistato in gara 1 imponendosi nel suo raggruppamento nella seconda manche. Lo spagnolo ha preceduto la Ducati di Niccolò Canepa. Qualche punticino poi lo portano a casa pure Claudio Corti ed Alessandro Andreozzi, rispettivamente 14esimo e 15esimo.

Autore: Matteo Nugnes

Tag: Sport


Top