Sport

pubblicato il 18 ottobre 2014

MotoGP 2014, Phillip Island, Q2: pole di Marquez

Velocissimo Crutchlow, che precede Lorenzo. In terza fila Iannone e Rossi, con Dovizioso decimo

MotoGP 2014, Phillip Island, Q2: pole di Marquez

Pur rimanendo lontani dalla pole dello scorso anno, ma solamente a causa delle gomme completamente diverse, nella Q2 del GP d'Australia tutti quanti infatti hanno realizzato il miglior tempo del loro weekend, migliorando sensibilmente i riferimenti di questa mattina.

Dopo aver inseguito la concorrenza in tutti i turni di libere, Marc Marquez è andato a mettere la sua Honda davanti a tutti proprio quando contava di più, firmando così la sua 12esima pole position stagionale con un ottimo 1'28"408. Una prestazione che ha mandato in fumo i sogni di gloria di Cal Crutchlow, che per qualche secondo ha accarezzato il sogno di firmare la sua prima pole da ducatista. Ad un paio di minuti dal termine, infatti, il britannico era saltato davanti a tutti, ma poi si è dovuto inchinare al campione del mondo per 234 millesimi, firmando comunque la sua miglior qualifica in Rosso e dimostrando così di avere ancora voglia di continuare a spingere fino alla fine della sua avventura a Borgo Panigale.

La prima fila si completa con la Yamaha di Jorge Lorenzo, che in questa Q2 ha dovuto fare i conti anche con molti piloti che hanno provato a prendergli la scia praticamente per tutta sessione. Il maiorchino comunque non si è mai scomposto e proprio all'ultimo tentativo si è guadagnato il terzo tempo con un vantaggio di soli 6 millesimi nei confronti di un ottimo Bradley Smith.

Rispetto alle grandi difficoltà delle libere (con tanto di passaggio obbligato dalla Q1) ha fatto un bel passo avanti anche Dani Pedrosa: alla fine del primo run lo spagnolo era addirittura in pole provvisoria, ma alla fine ha piazzato la sua RC213V in quinta posizione, davanti alla migliore delle "Open", che ancora una volta è la Forward Yamaha di Aleix Espargaro.

La sorpresa in negativo invece sono sicuramente Andrea Iannone e Valentino Rossi, dai quali ci si aspettava di più: dopo essere stati autori del primo e del terzo tempo nella FP4, erano stati veloci pure nel primo run della Q2, ma nel secondo non sono riusciti a ripetersi e quindi dovranno accontentarsi di prendere il via dalla terza fila.

Un peccato se si pensa che entrambi sono dotati di un buon passo. Domani quindi dovranno provare a sfoderare una gran partenza per non vedere scappare subito Marquez e Lorenzo. Accanto a loro ci sarà anche la Yamaha di Pol Espargaro a completare la terza fila, mentre è parso piuttosto in difficoltà Andrea Dovizioso, che ha provato anche a giocarsi la carta dell'asimmetrica anteriore sulla sua GP14.2, chiudendo comunque decimo a sei decimi.

Il quadro dei piloti che hanno avuto accesso al segmento conclusivo si completa con Stefan Bradl e con un ottimo Hiroshi Aoyama, secondo nella Q1 con la sua Honda RCV1000R "Open". Nel primo turno invece hanno deluso parecchio Alvaro Bautista e Yonny Hernandez, che prenderanno il via dalla sesta fila, giusto davanti alla ART-Aprilia di Danilo Petrucci. Addirittura ultimo tempo per la Forward Yamaha di Alex De Angelis, con il sammarinese che è stato tradito dall'arrivo della pioggia nei minuti conclusivi della Q1.

Autore: Matteo Nugnes

Tag: Sport , piloti , personaggi famosi


Top