Sport

pubblicato il 4 ottobre 2014

Superbike 2014, Magny-Cours: super-Sykes in superpole

Le verdone dominano, seguono Giugliano e Rea, quinto Guintoli

Superbike 2014, Magny-Cours: super-Sykes in superpole

Sempre (o quasi), solo lui, Tom Sykes: è andato a prendersi la Superpole del penultimo appuntamento del Mondiale Superbike, in programma questo fine settimana a Magny-Cours. Il britannico ha sfoderato un giro mostruoso a pochi istanti dal termine, sfoderando in 1'36"366 il nuovo best lap del tracciato francese. Un risultato importante per il pilota della Kawasaki, che quindi inizierà davanti a tutti le due gare che potrebbero anche essere decisive per le sorti del campionato, alle quali è arrivato con 31 punti di vantaggio su Sylvain Guintoli.

Di contro, per il francese dell'Aprilia le cose non sono andate affatto come avrebbe sperato, visto che non è andato oltre al quinto tempo, vedendosi pure rifilare oltre otto decimi dal rivale. Ennesima riprova del fatto che la RSV4 sul giro secco non riesce ad essere incisiva come invece lo è spesso in gara. Fatto certificato anche dal sesto tempo di Marco Melandri, che è stato di poco più lento rispetto al compagno di squadra.

Davanti a lui ci sono le due Ducati di Davide Giugliano e Chaz Davies, tra le quali si è inserita pure la Honda di Jonathan Rea. Se la prestazione dell'italiano non è una sorpresa, visto che ieri era stato il più veloce nella cumulativa, non si può dire la stessa cosa per quella del suo compagno di squadra, che ha sfoderato un giro da quarto tempo dopo aver arrancato fino alla Superpole in questo weekend. Molto soddisfatto anche "Johnny", che in qualifica è riuscito a dare continuità all'ottimo lavoro fatto in questi due giorni.

Solo terza fila, dunque, per il francese Loris Baz, fresco dell'annuncio del suo passaggio in MotoGP con il Forward Racing nel 2015. Il finale della sua avventura in SBK rischia però di essere in salita, perché oggi si è preso ben otto decimi dal compagno di squadra, precedendo le due Suzuki di Alex Lowes ed Eugene Laverty, anche lui prossimo al passaggio nei Gp.

Completa la top ten l'altra CBR1000RR di Leon Haslam, seguita dalle due Ducati delle wild card Xavi Fores e Max Neukirchner. Un bravo in particolare se lo merita lo spagnolo, che ha avuto accesso diretto alla Superpole 2, mentre il tedesco si è guadagnato l'ultimo segmento brillando nella Superpole 1.

Il primo degli esclusi è stato invece Sylvain Barrier, che con la sua BMW S1000RR è quindi il poleman del raggruppamento EVO. Il leader di questa classifica David Salom, è sceso in pista nonostante l'infortunio al polso rimediato nella FP4. Lo spagnolo della Kawasaki, se se la sentirà, domani prenderà il via dalla 17esima piazza, giusto dietro a Lorenzo Lanzi e Niccolo Canepa, ma davanti alla MV Agusta di Claudio Corti.

Autore: Matteo Nugnes

Tag: Sport , superbike , piloti , personaggi famosi


Top