Novità

pubblicato il 1 ottobre 2014

Suzuki GSX-S 1000 e GSX-S 1000F 2015

Suzuki presenta due declinazioni della nuova stradale con motore GSX-R K5, una naked e una carenata

Suzuki GSX-S 1000 e GSX-S 1000F 2015
freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • Suzuki GSX-S 1000 e 1000 F 2015 - anteprima 1
  • Suzuki GSX-S 1000 e 1000 F 2015 - anteprima 2
  • Suzuki GSX-S 1000 e 1000 F 2015 - anteprima 3
  • Suzuki GSX-S 1000 e 1000 F 2015 - anteprima 4
  • Suzuki GSX-S 1000 e 1000 F 2015 - anteprima 5
  • Suzuki GSX-S 1000 e 1000 F 2015 - anteprima 6

Suzuki debutta all' Intermot 2014 con due modelli inediti che stanno calamitando l'attenzione degli appassionati. Dopo anni di richieste da parte dell'utenza, finalmente anche la Casa di Hamamatsu ha la sua naked 1000 con motore sportivo, derivato dalla GSX-R 1000 in configurazione K5, quindi il classico 4 cilindri in linea che viene declinato in due versioni, la GSX-S 1000 è una aggressiva naked, mentre la GSX-S 1000 F è una carenata dalle velleità turistiche.

Come ha già fatto Kawasaki con la Z1000, la doppia versione consente di soddisfare diversi tipi di clientela ma la moto - nella sostanza - è la stessa sia per caratteristiche meccaniche che ciclistiche. Il telaio è un doppio trave di forma classica con bretelle di rinforzo, il forcellone in alluminio ha un disegno sportivo. La forcella è marchiata Kyb ed è a steli rovesciati da 43 millimetri, mentre i freni vengono stretti da pinze radiali della Brembo. Elettronicamente, la GSX-S ha il controllo di trazione a tre livelli e l'ABS Bosch.

La versione carenata GSX-S 1000 F riprende le stesse caratteristiche, ma offre maggiore protezione per il pilota e un look che spinge verso il mototurismo. Nonostante l'ampia carenatura aerodinamica, il manubrio rimane alto e non cambia la posizione di guida. In pratica l'utente ha soltanto da scegliere quale configurazione gli piace di più, se quella da streetfighter o quella da sport-touring stradale.

Le prestazioni sono ancora tenute segrete da Suzuki, che sicuramente prenderà la strada percorsa già dalle sue concorrenti, ovvero addolcire l'erogazione del motore sportivo, irrobustendo la spinta ai bassi e medi regimi sacrificando qualche cavallo di potenza massima. Se pensiamo all'ottimo lavoro che ha fatto con il motore della GSR 750 ci si può fare subito un'idea. Tre le colorazioni: 'Metallic Triton Blue', 'Sparkle Black / Candy Daring Red' e 'Mat Fibroin Gray'.

Autore: Redazione

Tag: Novità , anticipazioni , intermot2014


Top