Sport

pubblicato il 7 luglio 2014

SBK: Bimota rischia l'espulsione dal campionato

L'azienda romagnola non è ancora riuscita a completare lo stock iniziale di 125 moto BB3 per l'omologazione. Dorna lancia un ultimatum

SBK: Bimota rischia l'espulsione dal campionato
freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • Bimota BB3 a EICMA 2013 - anteprima 1
  • Bimota BB3 a EICMA 2013 - anteprima 2
  • Bimota BB3 a EICMA 2013 - anteprima 3
  • Bimota BB3 a EICMA 2013 - anteprima 4
  • Bimota BB3 a EICMA 2013 - anteprima 5
  • Bimota BB3 a EICMA 2013 - anteprima 6

La vicenda Bimota in Superbike si fa sempre più difficile: se entro un mese - ovvero subito dopo la gara di Laguna Seca - gli ispettori Dorna non avranno la conferma delle 125 moto BB3 prodotte per poter rientrare nel regolamento delle derivate di serie, con molta probabilità l'azienda non potrà terminare il campionato. Queste sono le ultime voci dal paddock di Portimao, quasi prevedibili visto il grande ritardo nella produzione.

Il regolamento, già rivisto a inizio anno, ha previsto uno stock di moto iniziali (gia assemblate o da assemblare ma con tutti gli elementi pronti in azienda) pari a 125 unità per essere ammessa al campionato. Dorna ha chiuso un occhio, facendo correre la squadra da subito ma senza prendere punti. La prima scadenza era prevista per Assen, ma non è stata rispettata e la squadra ha continuato a correre senza far classifica.

Dopo diversi mesi Dorna sembra aver dato un ultimatum, ma le 125 moto pronte per la vendita sembrano essere difficili da raggiungere entro fine anno: la BB3 è una moto esclusiva e artigianale, costa 40.000 euro e la forza lavoro in Bimota non è organizzata per questo tipo di produzione in poco tempo. 

A Portimao non erano presenti i vertici dell'azienda e nemmeno il Team Manager Francis Batta, a conferma che qualcosa dietro le quinte si sta muovendo e che l'azienda proverà in tutti i modi a raggiungere il numero di omologazione. L'impresa è stata affrontata fin dall'inizio con grande ottimismo ma tutti sapevano che sarebbe andata ben oltre le capacità di un'azienda che nonostante la crescita, gli sponsor e gli ottimi risultati delle gare rischia seriamente l'esclusione che la obbligherebbe a ripresentarsi il prossimo anno, non solo con le 125 moto prodotte pronte, ma anche con il progetto di farne 500 entro la fine le 2015 come dice il regolamento recentemente rivisto. 

Autore: Redazione

Tag: Sport , superbike , mercato , gare


Top