Attualità e Mercato

pubblicato il 10 giugno 2014

Pessimo inizio per l'App "OsservaPrezzi" benzina del Ministero

Invece che stimolare i gestori... gli stessi gestori indicono lo sciopero!

Pessimo inizio per l'App "OsservaPrezzi" benzina del Ministero

Si chiama OsservaPrezzi ed è la neonata App del Ministero dello Sviluppo Economico. Premesso che è gratuita, disponibile sugli store Googleplay e iTunes, per smartphone e tablet in versione sia per Android sia per iOS, va detto che non è certamente l’unica: ci sono anche quelle realizzate da società private. Comunque, l’obiettivo, dice il sottosegretario Simona Vicari, è che gli automobilisti abbiano a portata di mano i prezzi dei carburanti e possano scegliere il gestore più conveniente. "Oggi - parole della Vicari - compiamo un passo ulteriore verso la digitalizzazione della pubblica amministrazione, aumentando la trasparenza e rendendo fruibili in modo dinamico sui propri dispositivi mobili i dati raccolti, già normalmente pubblicati online nel sito dell’Osservatorio prezzi carburanti, in attuazione della vigenti previsioni legislative sulla conoscibilità dei prezzi". Il servizio, sostiene il Ministero, è anche un modo per incentivare la concorrenza tra i gestori.

Sarà pure come dice la Vicari (la stessa - detto per inciso - che vuole introdurre una riforma Rca sulla cui efficacia c’è molto da discutere), ma OmniMoto.it ha voluto scaricare questa App per verificarne l'utilità. In teroia, l’applicazione, sviluppata in collaborazione con Unioncamere e Infocamere, consente di trovare anche durante il viaggio i distributori di carburanti più comodi e convenienti per il rifornimento. Ma, prima di tutto, occorre che il segnale GPS sia attivo; poi si indica il tipo di carburante a cui siete interessati (benzina, per noi motocilcisti). Con la funzione "in zona", dovreste trovare i distributori del carburante in un raggio di 5 chilometri intorno alla vostra posizione. In realtà, abbiamo appurato che mancano distributori: se non ci sono segnalazioni di prezzo, andrebbero comunque indicati su mappa, senza indicazione del prezzo carburante. Alcune segnalazioni di prezzo sono molto vecchie oltre al fatto che i crash sono continui. App stroncata anche sulla pagina web dove scaricarla; fra i tanti commenti, dice un utente: "L'app non è aggiornata, riporta il 5% dei distributori e la bandierina colorata che ne indica il prezzo è errata, mi riporta una bandiera rossa sul diesel a 1,71 €/l e una verde a 1,7 €/l. Inutile".

Comunque, le informazioni sugli impianti vengono inserite, in base all’articolo 51 della Legge 99/2009, direttamente dai gestori. La pubblicazione dell'App in presenza di una copertura ancora non totale degli impianti mira anche a stimolare i gestori, direttamente e tramite le segnalazioni degli utenti, a completare e migliorare la mappatura sul territorio, questo dice Infocamere. E a proposito di gestori, ricordiamo lo sciopero dei gestori. Con l’obiettivo di reintegrare condizioni di mercato eque e non discriminatorie e, dunque, consentire l’immediato abbattimento dei prezzi dei carburanti su tutta la rete, anche attraverso il necessario rapido e serrato confronto nel settore e soprattutto con Governo e Parlamento, le organizzazioni nazionali di categoria dei gestori hanno dichiarato lo stato di mobilitazione generale e annunciato la proclamazione di diverse iniziative. Dalle 7 del 14 giugno, alle 19:30 del 17 giugno, chiusura alle vendite dei self service pre-pay negli orari di apertura degli impianti, con relativo oscuramento dei prezzi scontati a essi collegati e dell’insegna della compagnia; dalle ore 19:30 del 17 giugno, alle ore 7 del 19 giugno, sciopero generale nazionale degli impianti di rete ordinaria. Dalle 22 del 17 giugno, alle 22 del 18 giugno, sciopero generale nazionale delle aree di servizio autostradali; dalle 24 del 21 giugno, alle 24 del 28 giugno, non sarà accettato alcun mezzo di pagamento elettronico e saranno sospese tutte le campagne promozionali di marchio su tutta la rete ordinaria.

Autore: Redazione

Tag: Attualità e Mercato , carburanti , sciopero


Top