Epoca e Classiche

pubblicato il 16 maggio 2014

Garage Queens: una Bimota YB6 Tuatara nuova in vendita su Ebay

Abbiamo scovato una vera rarità in vendita in Inghilterra per “sole” 13.000 sterline!

Garage Queens: una Bimota YB6 Tuatara nuova in vendita su Ebay

I grandi collezionisti a volte hanno dei comportamenti che facilmente sfuggono dalla logica delle persone "normali". Per un qualsiasi appassionato motociclista, il possesso di una moto è strettamente connesso con il suo utilizzo, e acquistare una moto per tenerla ferma esce dalla logica che qualsiasi motociclista accetterebbe. Un collezionista, però, probabilmente la pensa in modo diverso e la sua soddisfazione si ferma al possesso di un bene, mentre il suo uso passa in secondo piano. Questa è l’unica spiegazione che riusciamo a dare al fatto che spesso ci imbattiamo in annunci di vendita di moto che ormai sono d’epoca, e che vengono vendute per nuove.

In lingua anglosassone vengono chiamate Garage Queens, e nei mesi scorsi ve ne abbiamo presentato due esemplari interessantissimi: una Ducati 888 Racing del 1989 ancora nell’imballaggio originale e completa della dotazione di ricambi che venivano forniti ai piloti privati, e una Ducati MHEvoluzione anch’essa ancora contenuta nella cassa di legno, fotografata addirittura attraverso delle radiografie per non danneggiare l’imballo di legno. E siccome non c’è due senza tre, oggi abbiamo scovato un’altra moto rarissima, venduta su Ebay in Inghilterra: una Bimota YB6 Tuatara, nuova a chilometri zero!

LA MOTO PIU’ VELOCE AL MONDO
La Bimota YB6 Tuatara vide la luce nel 1990, e le cronache dell’epoca raccontano che in Bimota all’epoca ricevettero dalla clientela l’esplicita richiesta di una moto ancora più raffinata della YB6 che la casa di via Giaccaglia aveva in listino. Bimota rispose con la Tuatara, moto che prendeva il nome dal rettile più antico conosciuto sulla terra, una specie di grosso lucertolone che abita alcune isole della Nuova Zelanda. Una vera rarità, quindi, e infatti la tiratura della moto era limitata a 60 esemplari.

Le differenze rispetto alla YB6 riguardavano una completa rivisitazione del motore (di derivazione Yamaha FZR1000), che perdeva l’alimentazione a carburatori per montare un raffinato sistema di iniezione elettronica Weber Marelli con elettronica progettata in Bimota. Anche lo scarico veniva sostituito con uno più leggero, privato anche della valvola Ex-Up, per risparmiare peso. Il risultato della elaborazione era di 7 cavalli in più, con un picco di 152 CV a 9.500 giri/min.
La ciclistica prevedeva lo stesso telaio della YB6, ma all’avantreno la forcella Marzocchi tradizionale da 42 mm veniva sostituita con una unità dello stesso marchio ma a steli rovesciati. Per risparmiare peso le ruote in lega leggera vennero sostituite da altrettante in magnesio Oscam e per la carenatura venne fatto largo uso di fibra di carbonio. L’opera di alleggerimento arrivò anche a far sostituire la strumentazione analogica con una interamente digitale, progettata in Bimota. Il risultato di questo lavoro era un incredibile peso a secco di 165 kg, solo 3 kg in più della Bellaria 600 dell’epoca.

LO ZAMPINO DI FALAPPA
Le leggende del motociclismo italiano narrano che all’epoca in Bimota il collaudatore ufficiale era il mitico Giancarlo Falappa, che era solito testare le moto su strade normalmente aperte al traffico. Beh, la leggenda racconta che un mattino attorno alle 5.00 Giancarlo andò a provare la Tuatara sull’autostrada Bologna-Ancona, dopo che in azienda venne fatta una messa a punto dell’iniezione e montati i rapporti giusti. La strumentazione elettronica montata sulla moto registrò l’incredibile velocità di punta di 300 km/h, che fecero della Tuatara la moto più veloce del mondo in quel momento.

Ma veniamo all’esemplare oggetto di questo articolo: la Bimota YB6 Tuatara in vendita su Ebay.co.uk da parte di un collezionista di Macclesfield, nel Cheshire East. La sua moto viene descritta in questo modo: "Questa moto non è mai stata avviata né guidata fin da quando ha lasciato la fabbrica 23 anni fa. E’ in condizioni perfette e probabilmente è unica (ho collezionato Bimota per 10 anni e non ho mai visto un’altra Tuatara nuova)".
La moto non è venduta all’asta, ma è inserzionata a 13.000 sterline (che al cambio attuale sono poco meno di 16.000 euro), un valore a nostro avviso adeguato alla rarità dell’oggetto. Se siete interessati provate a fare un’offerta, visto che a quanto pare è già la seconda volta che la moto viene inserzionata su Ebay, e magari il collezionista è disposto a scendere un po’.


Autore: Lorenzo Gargiulo

Tag: Epoca e Classiche , 1000 , curiosità , epoca


Top