Sport

pubblicato il 10 maggio 2014

SBK 2014, Imola: Rea e la Honda in Superpole!

Prima fila con l'Aprilia di Guintoli e la Ducati di Sykes, più indietro Melandri e Sykes

SBK 2014, Imola: Rea e la Honda in Superpole!

La Honda sta facendo grandi progressi nel Mondiale Superbike ed oggi ne abbiamo avuto un'ulteriore riprova. Dopo la vittoria di gara 2 ad Assen, Jonathan Rea oggi ha portato la sua CBR1000R a conquistare la Superpole del round Imola con un super giro in 1'46"289 con cui ha sfiorato il best lap realizzato lo scorso anno da Tom Sykes.

Sembrava già buonissimo il tempo di 1'46"554 messo a referto dell'Aprilia RSV4 di Sylvain Guintoli, ma il francese non ha potuto fare nulla per rispondere alla performance di Rea. Davide Giugliano poi completa una prima fila composta da tre moto differenti con la sua Ducati 1199 Panigale, con il piccolo rammarico di aver perso la seconda piazza per appena 1 millesimo.

In casa Ducati però sembrano essere messi piuttosto bene, perchè in quarta posizione c'è l'altra Rossa di Chaz Davies, che è stato circa un decimo più lento rispetto al compagno di box. Leggermente più in difficoltà Marco Melandri, che con la seconda RSV4 ufficiale si è dovuto accontentare del quinto tempo, vedendosi rifilare quasi mezzo secondo dal poleman.

A stupire in negativo però è stato soprattutto Tom Sykes, perchè non siamo abituati a vedere il campione del mondo in carica tanto indietro in Superpole. Certamente il sesto posto non è un risultato da buttare, ma per uno che negli ultimi due anni ha messo la sua Kawasaki al palo in ben 20 occasioni ci si aspetta sempre qualcosa in più. "The Grinner" comunque ha lamentato dei problemi di set-up.

Gli stessi manifestati anche dal suo compagno Loris Baz, che andrà a schierare l'altra ZX-10R in settima posizione, affiancato dalla Suzuki di Eugene Laverty e dalla Ducati di Niccolò Canepa, che con il nono tempo si è conquistato la pole position tra le EVO dopo essersi guardagnato l'accesso al segmento conclusivo in Superpole 1, così come la BMW S10000RR di Leon Camier, che invece scatterà 11esima, dietro alla Honda di Leon Haslam e davanti alla GSX-R1000 di Alex Lowes.

Peccato per la wild card Ivan Goi, rimasto fuori dalla Superpole 2 per appena una manciata di millesimi con la Ducati del Barni Racing Team. Per quanto riguarda gli altri italiani in pista nel primo segmento, Ayrton Badovini scatterà 16esimo con la sua Bimota BB3, giusto davanti alla Kawasaki di Luca Scassa. 20esimo invece Michel Fabrizio, all'ultima uscita sulla ZX-10R EVO del Team Grillini.

Autore: Matteo Nugnes

Tag: Sport


Top