Attualità e Mercato

pubblicato il 2 maggio 2014

Concluso con successo il "2 Wheels Worldwide Forum 2014"

Antonello Montante: "L’industria delle 2 ruote vuole condividere gli strumenti per costruire il futuro, guardando alla crescita e allo sviluppo"

Concluso con successo il "2 Wheels Worldwide Forum 2014"

In occasione del centenario di EICMA, si è tenuta ieri la prima edizione del forum internazionale dedicato al mondo delle due ruote, a motore e non.
Presenti molte autorità, a cominciare dal Ministro dei Trasporti Maurizio Lupi e il Presidente di regione Lombardia Roberto Maroni, oltre alle più alte cariche delle Case motociclistiche e delle aziende del settore, ed a studiosi internazionali che si occupano di mobilità sostenibile, responsabili di grandi aziende come Facebook e Fondazione Edison.
L’evento si è aperto con il saluto del presidente di EICMA Antonello Montante: "Celebrare i 100 anni di EICMA con questo forum di livello globale significa che l’industria delle 2 ruote vuole condividere gli strumenti per costruire il futuro, guardando alla crescita e allo sviluppo come le uniche strade da percorre. La mobilità individuale è un diritto irrinunciabile di ogni singolo cittadino, e in questa ottica le due ruote a motore o a pedale sono la soluzione sostenibile e un’opportunità da favorire".

LA RICERCA INTERNAZIONALE SUL VALORE DELLE DUE RUOTE
In questa occasione sono stati presentati da Valerio De Molli i risultati della prima ricerca internazionale su "Il valore delle due ruote", realizzata in collaborazione con The European House Ambrosetti, che ha approfondito tutti gli aspetti economici e sociali del settore 2 ruote nel mondo.
Negli ultimi 5 anni la produzione mondiale di due ruote a motore è cresciuta del +39%, i paesi occidentali hanno però sofferto un calo del -59% della produzione. L’Italia, nonostante un calo del -52%, rimane il primo produttore europeo. Dal 2007 è scesa anche la produzione europea di biciclette, a eccezione dell’Italia, dove nel 2013 la produzione di bici è cresciuta del +22% rispetto all’anno precedente. Il saldo della bilancia commerciale, import-export, in Italia nel 2013 è stato positivo per 1mld di euro, in controtendenza con la media europea che è negativa. Questo pone l’Italia al terzo posto al mondo, dietro Cina e Giappone, per saldo attivo della bilancia commerciale a valore.
Fa quasi impressione sottolineare che negli ultimi 20 anni, il settore ha contribuito alla bilancia italiana per 16,3 mld di euro. Il valore dell’industria in Italia, inclusivo dell’indotto, è stato di 2,1 mld di euro nel 2012, mentre gli occupati sono 53.500 persone.
Infine la ricerca sottolinea che le 2 ruote sono la soluzione per la mobilità sostenibile. In Italia oggi le 2 ruote contribuiscono ad un valore in termini di risparmio di tempo stimabile in 2,5 mld di euro/anno. In virtù dell’utilizzo delle 2 ruote in Italia si ottiene ogni anno un risparmio di emissioni di 2,1 milioni di tonnellate di CO2.

RECUPERARE LA PASSIONE DEI GIOVANI
L’intervento di Adjiedj Bakas, trendwatcher e futurologo di fama internazionale, ha dato una visione attuale e futura dei miti, modelli e stili di vita di teenager e giovani adulti, sottolineando come la generazione Y sia online 24/7 e la necessità quindi di nuovi approcci nei loro confronti.
Durante il forum, è stata inoltre presentata da Jeremy Gerlis la ricerca condotta da Sevendots sul tema di come riavvicinare le 2 ruote al target giovanile.
La ricerca, dopo aver analizzato il problema, ha messo in luce una serie di diverse iniziative che se ben miscelate, potrebbero fungere da catalizzatore di rilancio della passione per le 2 ruote, che spaziano dalla creazione di un’assicurazione crowd-funded tra motociclisti alla possibilità di maggiore personalizzazione dei veicoli, dalla disponibilità di un personal trainer che faciliti l’accessibilità all’esperienza di guida di una moto all’utilizzo di una video camera per condividere in diretta il proprio stile di guida. Da una nuova modalità di vendita che renda disponibile diversi modelli in base alle diverse tipologie di utilizzo di una motocicletta, all’idea nelle grandi città della disponibilità di una moto o scooter per compiere il così detto Ultimo Miglio, per i pendolari che arrivando in città in auto o treno passano alle 2 ruote per gli spostamenti finali.

IL SALUTO DELLE ISTITUZIONI
L’evento si è concluso con il saluto del Ministro dei Trasporti e del Presidente della Regione Lombardia. Entrambi hanno manifestato interesse per i dati presentati nel forum e hanno riconosciuto il valore dell’industria di settore in Italia, e soprattutto l’opportunità di mobilità sostenibile che andrebbe maggiormente riconosciuta.
Lupi in particolare ha dimostrato di avere a cuore non solo tutto questo ma anche la sicurezza degli utilizzatori delle 2 ruote, sottolineando la necessità di una migliore manutenzione delle strade o la pericolosità degli attuali guardrail che andrebbero tutti sostituiti con nuovi che non mettano in pericolo la vita dei motociclisti.
Infine sia Lupi che Maroni si sono detti disponibili a prendere in considerazione forme di incentivi economici per l’acquisto di veicoli a 2 ruote, che rappresentano la più vera e genuina forma di mobilità sostenibile e che potrebbero aiutare un settore industriale che ne avrebbe realmente bisogno. Non ci resta che sperare che queste belle parole si possano trasformare in fatti.

Autore: Redazione

Tag: Attualità e Mercato , saloni , incentivi , trasporti


Top