Sport

pubblicato il 27 aprile 2014

SBK 2014, Assen: Guintoli vince una gara 1 accorciata

Olio in pista e bandiera rossa a cinque giri dalla fine, quando Sykes stava arrivando sul francese

SBK 2014, Assen: Guintoli vince una gara 1 accorciata

La rottura del motore della Buell di Geoff May ha portato ad una conclusione anticipata la prima gara del weekend di Assen del Mondiale Superbike, proprio quando questa sembrava pronta a regalare un finale infuocato: a cinque giri dal termine la bandiera rossa ha incoronato vincitore Sylvain Guintoli, che avrà tirato un bel sospiro di sollievo, visto che dietro di lui la sagoma della Kawasaki di Tom Sykes si stava facendo sempre più incombente.

Il francese dell'Aprilia quindi è stato premiato per la sua bellissima partenza: nella prima fase è stato il più bravo a trovare il limite sulla pista asciutta, ma resa ancora un po' viscida dalla pioggia caduta nelle prime ore della mattina. "Guinters" quindi è scappato subito, mentre dietro di lui si davano grande battaglia le due Kawasaki di Sykes e Loris Baz, ma anche la Honda di Jonathan Rea.

"The Grinner" ha perso anche un po' di tempo con un drittone, ma alla lunga è riuscito a portarsi in seconda posizione e a staccare i suoi due avversari. Poi ha iniziato a recuperare tre-quattro decimi in ogni giro anche su Guintoli, ma quando era arrivato a poco più di un secondo la bandiera rossa ha spento le sue speranze.

Una bandiera rossa che ha in un certo senso fregato anche l'altra Kawasaki di Baz: il francese stava un po' prendendo le misure a Rea per capire quale fosse il momento ideale per attaccare la Honda del britannico. Chiaramente l'interruzione però ha favorito "Johnny", che si è portato a casa il terzo podio in due gare, risultato che certifica la crescita della sua CBR1000RR.

Ottimo poi il quinto posto di Toni Elias, che si è tolto la bella soddisfazione di mettersi dietro l'Aprilia RSV4 di Marco Melandri. Il ravennate forse avrebbe sperato nella pioggia, perchè sull'asciutto sono riemersi i problemi che ieri lo avevano escluso dalla Superpole 2 al termine delle libere, e stamattina ha dovuto faticare per tenersi dietro la Ducati di Chaz Davies e la Honda di Leon Haslam.

Nono posto poi per la Suzuki di Alex Lowes, che ha preceduto Niccolò Canepa che con la sua Ducati 1199 Panigale è stato quindi il vincitore della classifica riservata alle EVO, precedendo a sorpresa uno strepitoso Luca Scassa: nonostante sia ancora convalescente dall'infortunio al bacino rimediato in Australia, il pilota del Team Pedercini ha messo la sua ZX-10R EVO davanti a quella ufficiale di David Salom.

Punti anche per Claudio Corti, che ha piazzato la sua MV Agusta al 14esimo posto, alle spalle anche della BMW EVO di Leon Camier. Come avrete notato, non abbiamo ancora citato invece Davide Giugliano ed Eugene Laverty ed il motivo è semplice: entrambi sono caduti nelle prime fasi della gara, quindi saranno sicuramente molto vogliosi di rifarsi oggi pomeriggio.

Autore: Matteo Nugnes

Tag: Sport


Top