Tecnica

pubblicato il 17 aprile 2014

USA: il Pentagono pensa a una moto Stealth ibrida due ruote motrici

Sarà una moto fuoristrada in grado di andare ovunque senza fare rumore. Il progetto è affidato alla BRD

USA: il Pentagono pensa a una moto Stealth ibrida due ruote motrici
freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • BRD Redshift MX e SM  - anteprima 1
  • BRD Redshift MX e SM  - anteprima 2
  • BRD Redshift MX e SM  - anteprima 3
  • BRD Redshift MX e SM  - anteprima 4
  • BRD Redshift MX e SM  - anteprima 5
  • BRD Redshift MX e SM  - anteprima 6

Stando a quanto divulgato da Defensetech.org, portale governativo dedicato alla tecnologia nelle Forze Armate statunitensi, il Pentagono avrebbe avviato una commessa per progettare e realizzare una nuova tipologia di mezzo militare: una moto fuoristrada Stealth. Sì, una moto invisibile come i famosi aerei militari che non vengono individuati dai radar. Ovviamente trattandosi di una moto il termine "Stealth" è usato in modo improprio, e fa riferimento solo al fatto che queste motociclette dovranno essere silenziose in moto da permettere alle truppe di terra di muoversi velocemente e senza fare rumore in zone nemiche ad alto rischio anche per lunghi tragitti.

IBRIDE 2WD
La soluzione sembrerebbe fin troppo semplice: fare delle moto elettriche, ma l’Agenzia per i Progetti di Difesa Avanzati, DARPA (Defense Advanced Research Projects Agency), sa benissimo quali sono gli attuali limiti tecnologici di veicoli elettrici ed ha stabilito che le moto in oggetto dovranno essere spinte da propulsore ibrido, e saranno a due ruote motrici, per aiutare i militari anche nelle situazioni più insidiose.
A quanto pare il governo americano avrebbe incaricato un’azienda specializzata in nuove tecnologie per la difesa, la Logos Technologies, di sviluppare una unità propulsiva termica/elettrica da installare a bordo della ciclistica della BRD Redshift MX, la moto elettrica californiana che viene prodotta a San Francisco.

E’ facile ipotizzare che il gruppo motore sarà costituito da un propulsore termico multi carburante (in modo da poter camminare con qualsiasi idrocarburo reperito sul territorio), e che la propulsione elettrica sia costituita da un classico motore ruota alloggiato nel mozzo anteriore. Non è da escludere, però, che tra le specifiche di progetto venga richiesto che la trazione sia integrale in ogni condizione di marcia, e allora potrebbe apparire molto più adatto uno schema di trasmissione anteriore meccanica come quella realizzata (sempre in America) dalla Christini, che da alcune stagioni vende le sue AWD.
Non è stato dichiarato nulla sulle tempistiche di realizzazione, ma non appena avremo nuove informazioni torneremo sull’argomento.

Autore: Lorenzo Gargiulo

Tag: Tecnica , curiosità , tecnologia , anticipazione , emissioni zero


Top