Special e Elaborazioni

pubblicato il 16 aprile 2014

Ronax 500 V4: il ritorno dei 2 Tempi

Sarà presentata il prossimo 8 giugno in Germania. Due tempi, 500 cc, 4 cilindri a V. Ne faranno 46 esemplari: solo un caso o un tributo alla NSR 500 di Rossi?

Ronax 500 V4: il ritorno dei 2 Tempi
freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • Ronax 500 V4 - anteprima 1
  • Ronax 500 V4 - anteprima 2
  • Ronax 500 V4 - anteprima 3
  • Ronax 500 V4 - anteprima 4

"Il Re è morto, viva il Re!": ovviamente stiamo parlando del motore a due tempi ucciso dalle regolamentazioni sulle emissioni, ma mai uscito dai pensieri degli appassionati. E proprio oggi che il due tempi è ormai stato definitivamente estromesso dalle competizioni motociclistiche (fatti salvi alcuni casi isolatissimi), potrebbe ricomparire in commercio, proprio nella sua forma più evoluta, esoterica e famosa: quella del quattro cilindri a V di 500 cc. Incredibile? Forse sì, ma a quanto pare in Germania c’è un brand pronto a lanciare sul mercato la sua 500GP Replica che si chiama Ronax 500 V4.

TRIBUTO ALLA HONDA NSR 500?
Se non credete a quello che vi stiamo raccontando andate a vedere il countdown sul sito Ronax500.com, che fissa la data in cui la moto verrà svelata al 8 giugno 2014. Le informazioni riportate sul sito sono pochissime, ma abbiamo fatto qualche piccola ricerca e qualcosa di interessante lo abbiamo scoperto.
I dati dichiarati dalla Ronax sono solo quelli di cilindrata, ovviamente di 500 cc, architettura V4 del motore, utilizzo dell’iniezione elettronica e numero di esemplari che verranno prodotti: 46!

Ora: la storia non la abbiamo scritta noi, ma se ritorniamo indietro di 13 anni gli albi d’oro raccontano che l’ultima 500 GP a vincere un titolo mondiale fu la Honda NSR500 nel 2001, guidata da un certo Valentino Rossi che proprio il 46 aveva sulla carenatura. Guardando con attenzione le foto divulgate della Ronax coperta da un telo, poi, è facilissimo riconoscere sotto quella lycra proprio i tratti somatici salienti della mitica NSR 500: guardate la presa d’aria frontale e il cupolino basso e arrotondato, guardate il codino leggermente spiovente e la disposizione degli scarichi… beh, se questa non è una specie di replica dell’ultima Honda 500GP, allora cos’è?

500 GP REPLICA, ANCHE STRADALE
Spulciando nei meandri della rete spuntano fuori due nomi: quelli di Ronny Scheer e Ajax Kuhn, e facendo ricerche su essi si scopre che il primo è stato pilota a livello nazionale in Germania, proprio ai tempi delle 500 GP, e che è un appassionato di motori a due tempi. Il suo socio è Ajax Kuhn, proprietario del marchio AK Technic: una engineering che realizza parti speciali di ogni genere, specializzata proprio in motori due tempi.
A quanto pare, quindi, i due amici hanno deciso di progettare in proprio un nuovo basamento per un motore V4 500cc, sul quale, immaginiamo noi, hanno impiantato termiche di motociclette in uso negli ultimi anni in cui le GP correvano con motori due tempi (del resto i ricambi per le 250GP sono ancora facilmente reperibili).

Da quanto abbiamo scoperto, il progetto è partito circa sei anni addietro e il primo prototipo è stato messo al banco già nel 2010. A quanto pare il motore gira in pista già dal 2012 inserito in una ciclistica non meglio precisata per non dare nell’occhio. Di sicuro sembrerebbe esserci il fatto che Scheer e Kuhn hanno sviluppato per questo motore un sistema di alimentazione ad iniezione elettronica. Negli intenti dei progettisti, però, questa moto dovrà anche essere omologabile per l’uso stradale (evviva la Germania!) e quindi hanno previsto anche motorino d’avviamento e impianto di ricarica per gli ausiliari.
Insomma: un progetto ambizioso che a tratti sconfina nell’incredibile, ma che testimonia ancora una volta quanto nei cuori degli appassionati il due tempi non sia affatto morto: lunga vita al Re!

Autore: Lorenzo Gargiulo

Tag: Special e Elaborazioni


Top