Attualità e Mercato

pubblicato il 9 aprile 2014

#dakarsottocasa, il “Tweet libro” di Vincenzo Borgomeo

La (tragica) situazione viaria italiana raccontata in un originale “libro tweet” del collega Borgomeo

#dakarsottocasa, il “Tweet libro” di Vincenzo Borgomeo

E’ stato presentato ieri a Roma il libro "#dakarsottocasa", firmato dal collega di Repubblica Vincenzo Borgomeo. Si tratta di una iniziativa che in moto curioso e originale denuncia la drammatica situazione in cui versano le strade italiane, raccogliendo i messaggi che quotidianamente appaiono su Twitter: una fotografia reale della situazione delle infrastrutture italiane raccontate da chi le utilizza tutti i giorni.
Borgomeo ha riunito e commentato brevemente denunce, racconti, richieste affinché la strada sia adeguata anche per chi viaggia su due ruote, a pedale e a motore, in un libro promosso da Confindustria ANCMA (Associazione nazionale Ciclo Motociclo e Accessori) ed EICMA.

Il libro di Borgomeo conferma in maniera vivace e innovativa ciò che i dati raccolti dal MAIDS (Motorcycle Accidents In Depth Study) in Italia testimoniano, e cioè che le nostre infrastrutture sono inadeguate e concausa di incidenti nel 25% dei casi, circa il doppio rispetto alla media europea. Nel 2012, infatti, la presenza di ostacoli accidentali o fissi sulla strada ha provocato la morte di 88 centauri e il ferimento di altri 1.920, pari al 30% del totale (fonte ISTAT). Il costo sociale degli incidenti che vedono coinvolti veicoli a 2 ruote è stimabile in circa 8 miliardi di euro, dei quali più di 600 milioni sono imputabili alle infrastrutture.

PREFAZIONE DI MAURIZIO LUPI
Il tema della sicurezza stradale legato alle infrastrutture viene trattato da Borgomeo in modo educato e pacato, aprendo anche un dialogo privilegiato con il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, che si concretizza proprio con la prefazione del libro, firmata dallo stesso ministro Maurizio Lupi, di cui riportiamo uno stralcio: "Chi volesse sapere tutto (o quasi) su come viaggiare sicuri in moto o in bici, e su cosa si può e si deve fare in vista di questo obiettivo, legga l’agile libro di Vincenzo Borgomeo, che spazia dall’Abs sulle due ruote, all’abbigliamento protettivo, all’asfalto riflettente che fa vedere le buche, ai guard rail salva-motociclisti, ai dossi fuori norma…
Una risposta radicale ed efficace ci sarebbe, e a un certo punto spunta in uno dei tweet a cui l’autore risponde: fare come in Afghanistan, imporre per legge il divieto assoluto di andare in motocicletta. Ma non siamo su Scherzi a parte, viviamo e viaggiamo in un paese dell’occidente che ama la libertà e accetta i rischi che essa comporta. Io sono d’accordo con la tesi di fondo di questo libro: bisogna fare di tutto, cioè tutto il possibile (e il possibile è molto), per evitare incidenti sulle nostre strade e per diminuire la percentuale degli incidenti mortali…"
.

Il libro #dakarsottocasa sarà scaricabile gratuitamente dal 29 aprile dal blog dedicato: www.dakarsottocasa.it

Autore: Lorenzo Gargiulo

Tag: Attualità e Mercato , strada , curiosità , codice della strada , incidenti , editoriale


Top