Attualità e Mercato

pubblicato il 20 marzo 2014

Le 5 moto che hanno fatto flop negli ultimi 15 anni

Abbiamo scelto 5 fra le moto meno capite del mercato motociclistico dal 2000 a oggi. Perchè queste moto hanno avuto così poco successo?

Le 5 moto che hanno fatto flop negli ultimi 15 anni

Dall'ingresso nel nuovo millennio le moto hanno subito un'evoluzione costante, sopratutto nei primi anni, quando il passo avanti in termini di ciclistiche e qualità dei prodotti ha fatto un netto balzo in avanti. Prima dell'inizio della crisi, le Case mondiali hanno voluto sperimentare con progetti interessanti, a volte spinti più dalla passione e dall'innovazione che dalle richieste del mercato, portando gli investimenti a qualche clamoroso flop come nel caso delle piccola classifica che trovate di seguito: i cinque prodotti tra i meno "capiti" del mondo motociclistico degli ultimi 10-15 anni,

APRILIA RST 1000 FUTURA
Telaio fantastico, un motore bicilindrico fra i più potenti del periodo, un sound da pelle d'oca e sospensioni perfette. Le Aprilia dei primi anni 2000 erano veri gioielli per piacere di guida e qualità della componentistica, ma la prima sport touring italiana del nuovo millennio era abbastanza sgraziata. Un look squadrato, futuristico e aggressivo, con un grande cupolino che si protendeva in avanti e un lunghissimo codino che celava un singolo scarico triangolare. A queste linee un po' strambe per l'epoca si aggiungeva una pessima gestione del marketing da parte di Aprilia e un impianto elettrico un po' bizzoso, non all'altezza della qualità generale del mezzo e del prezzo di listino. Inultile dire che è stato un vero e proprio flop come la sorella Falco, anch'essa poco capita ma che ora ha una cerchia di affezionati che le stanno dando una seconda giovinezza.

BMW R 1200 ST
Non tutto quello che tocca BMW si trasforma in oro, lo dimostrano alcuni progetti decisamente deludenti del decennio scorso come la F 650 Scarver - così versatile e razionale che non poteva essere anche bella - e la R 1200 ST. Di quest'ultima ancora si fatica a capire il senso, essendo una turistica con motore Boxer che pur inquadrata come Sport Touring si sovrapponeva in modo abbastanza pericoloso alla R 1200 RT. Inoltre era decisamente sgraziata nelle linee del cupolino, in netta controtendenza con le linee pulite e razionali di tutta la gamma del periodo 2005-2006. Fu un flop annunciato fin dalla prima presentazione al pubblico, ma rimane una validissima turistica che ora si può trovare a meno di 5.000 euro sul mercato dell'usato. Non male per una BMW Boxer con meno di 10 anni.

DUCATI SPORTCLASSIC
Quando le Cafe Racer ancora non andavano di moda, Ducati anticipò la tendenza proponendo la sua gamma SportClassic con ciclistica sportiva e look vintage. Era la metà degli anni 2000 e le tre bellissime moto a listino ( Sport 1000, Sport 1000 S e GT 1000) sono state seguite da una intensa ed efficiente campagna marketing... ma qualcosa è andato storto. In quel periodo le 4 cilindri sportive dominavano le classifiche di vendita, l'utenza andava pazza per le linee estreme e il look classico con motore raffreddato ad aria ha attirato davvero pochi compratori, solamente gli appassionati del vintage. Ora che queste linee vanno di moda le SportClassic stanno vivendo una seconda vita nell'usato, sono poche ma ricercatissime e per questo tengono bene il valore.

HONDA DN-01
Ci sono designer così ingegnosi, progettisti così lungimiranti e direzioni marketing così ottimiste che... dovrebbero vivere nel futuro. Il team di lavoro che ha sviluppato l'Honda DN-01 (qui il nostro test) risponde a tutte queste caratteristiche e ha creato una moto-scooter che sembra arrivare dal 2030. Cambio HFT, look estremamente avveniristico che i più ottimisti hanno visto simile a uno squalo, altri invece a una melanzana. Una moto così avanti che nessuno l'ha capita. Probabilmente fra 10 anni rivedremo moto con le sue caratteristiche e tanta gente che le compra. Con il senno di poi potremmo giudicarla geniale, ma per ora è stato - e rimane - uno dei più grossi scivoloni commerciali degli ultimi anni, nonostante la tenacia dei motociclisti più affezionati che hanno persino fondato un club dedicato al DN-01.

SUZUKI B-KING
Spogliare della carena una moto come la Suzuki GSX-R 1300 Hayabusa, che punta tutto sulla capacità di raggiungere velocità transoniche? Una scelta folle per certi versi, ma assecondata dal periodo di ricerca della massima potenza e cattiveria e da un concept che aveva lasciato tutti a bocca aperta al salone di Tokyo del 2001. Nel 2007 si decise di mettere finalmente in commercio la Suzuki B-King e... era bruttina. Troppo panciuta e abbonante, con un posteriore disarmonico in controtendenza alle naked del momento che si facevano sempre più piccole. Anche questa è stata una moto fregata dalla moda, ne sono state vendute pochissime e nell'usato nessuno le vuole.

Autore: Redazione

Tag: Attualità e Mercato , curiosità , varie


Top