Attualità e Mercato

pubblicato il 21 febbraio 2014

La Paton torna al Tourist Trophy con la S1 Strada

La factory italiana ha dichiarato che sarà al TT con la nuova S1 Strada e Olie Linsdell

La Paton torna al Tourist Trophy con la S1 Strada
freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • Paton S1 Strada 2014 - anteprima 1
  • Paton S1 Strada 2014 - anteprima 2
  • Paton S1 Strada 2014 - anteprima 3
  • Paton S1 Strada 2014 - anteprima 4
  • Paton S1 Strada 2014 - anteprima 5
  • Paton S1 Strada 2014 - anteprima 6

Il marchio Paton è sempre stato in grande attività anche dopo che si sono spenti i riflettori del Motomondiale. La piccola factory di Settimo Milanese, infatti, non ha mai smesso di lavorare costruendo le moto replica di quelle che il marchio italiano faceva negli anni sessanta.
Alla scorsa edizione di EICMA, poi, Roberto Pattoni ha svelato una novità davvero interessante, la S1 Strada prima moto targata con il marchio Paton. Sono passati solo pochi mesi ed ecco arrivare un’altra notizia interessante, alla prossima edizione del Tourist Trophy sull’Isola di Man, la S1 Strada sarà schierata in gara con il pilota Olie Linsdell.

COLLABORAZIONE ITALO-INGLESE
Questa impresa si è concretizzata grazie alla collaborazione che la Paton ha avviato con Steve Linsdell della Flitwick Motorcycles, una concessionaria del Bedfordshire che si è presa l’impegno di preparare la moto per il TT affidandola a Olie Linsdell (un affare in famiglia quindi) che la svilupperà e correrà al TT.
Olie Linsdell ha fatto il suo debutto sul Mountain al Manx Grand Prix del 2007 e il suo debutto al TT nel 2008, ma il momento clou della sua carriera è stato la vittoria del Bennetts 500cc Classic TT, vinto proprio con una Paton BIC 500 BL3 replica.
Roberto Pattoni, il titolare della Factory milanese ha commentato: "Questa è un'opportunità stimolante ed emozionante per noi. Vorremmo inoltre ringraziare gli organizzatori del TT per essere stati molto chiari su tutto ciò che serve per far partecipare la Paton all’edizione 2014.
Le corse sono nel dna della Paton fin da quando mio padre iniziò nel 1958, e correre con le moto moderne al TT significa fare una moto omologata per la strada, e questo non fa altro che accrescere la nostra motivazione di piccola impresa a risolvere problemi che non abbiamo mai dovuto affrontare in passato. La S1 Strada, quindi, è praticamente la summa di tutta la nostra storia in un unico prodotto"
.

S1 STRADA: RACE RETRO
La Paton S1 Strada potrebbe essere identificata in una moto race retro visto che la sua tecnica richiama da vicino le GP di un tempo che resero famose le moto di Peppino Pattoni. La ciclistica è fatta con un telaio doppia culla chiusa in acciaio in cui viene montato il motore bicilindrico in linea 649 cc della Kawasaki ER-6n, scelto proprio per la sua configurazione fronte marcia. Le sospensioni sono di ispirazione vintage ma tecnica moderna, con all’avantreno una forcella Paioli da 43 mm e al retrotreno una coppia di ammortizzatori Ohlins regolabili. Le ruote sono a raggi e i freni ovviamente Brembo con una coppia di dischi da 295 mm all’avantreno e pinze a fissaggio assiale. Il peso è contenuto in soli 158 kg in ordine di marcia e l’interasse è da vera sportiva: solo 1.390 mm.
Lo stand della Moto Italia ad EICMA è stato uno dei più affollati, quindi siamo pressoché sicuri che Pattoni non solo riuscirà a omologare la moto in tempo per il TT, ma che la moto sarà anche un successo commerciale tra gli appassionati del marchio Paton.

Autore: Lorenzo Gargiulo

Tag: Attualità e Mercato , bicilindriche , 600 , curiosità , gare , epoca , tourist trophy 2014


Top