Novità

pubblicato il 18 febbraio 2014

Kawasaki Ninja 250 SL: monocilindrica solo per l'Asia

Una nuova piccola sportiva dalla Casa giapponese che non sostitusce la bicilindrica 300, ma è solo per l'oriente

Kawasaki Ninja 250 SL: monocilindrica solo per l'Asia
freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • Kawasaki Ninja 250 SL - anteprima 1
  • Kawasaki Ninja 250 SL - anteprima 2
  • Kawasaki Ninja 250 SL - anteprima 3
  • Kawasaki Ninja 250 SL - anteprima 4
  • Kawasaki Ninja 250 SL - anteprima 5
  • Kawasaki Ninja 250 SL - anteprima 6

Una nuova Kawasaki 250, ma non ha nulla a che fare con la bicilindrica venduta in Europa. Si chiamerà Ninja 250 SL in alcuni mercati, 250 RR in altri, ma è comunque una moto studiata apposta per l'Asia, dotata di un monocilindrico da un quarto di litro con dimensioni compatte e un look decisamente piacevole. L'obbiettivo di questo nuovo modello è offrire un mezzo più economico della Ninja 300 R che possa competere ad armi pari (quindi con un solo cilindro e dimensioni compatte) contro le regine della categoria come CBR 250, KTM RC 200 e la prossima Yamaha R25.

MOTORE CHE GIRA IN ALTO
Il motore ha caratteristiche di tutto rispetto, si tratta di un monocilindrico da 249 cc che promette 27,6 CV a 9.700 g/min e 22,6 Nm di coppia massima a ben 10.000 g/min. Questi valori fanno capire che si tratta di un motore molto sportivo, infatti l'alesaggio è più ampio della corsa (72 mm il primo e 61,2 mm la seconda) in modo da spostare i valori di potenza e coppia sulla parte più alta del contagiri. Anche il peso è tutto sommato contenuto, si parla i 150 kg per la SL, contro i 172 kg della versione europea a 2 cilindri.

ESTETICA DA GRANDE
L'estetica è senza dubbio piacevole, ricca di spigoli e ispirata all'ultima produzione Supersport e Superbike, con dimensioni più compatte e un cupolino dominato da un faro singolo a sviluppo verticale, una soluzione inconsueta nella produzione Kawasaki sportiva degli ultimi 10 anni ma decisamente riuscita. Ciclisticamente troviamo una ciclistica semplice, sostenuta su cerchi da 17" di ridotta sezione, una forcella tradizionale e un forcellone scatolato con monoammortizzatore. Il telaio è in tubi d'acciaio sottili ma che abbracciano il motore e salgono fino al codino unendosi al telaietto posteriore, ovviamente il colore dominante è il nero per tutta la ciclistica, verde, verde, bianco e rosso in soluzione monocromatica per le carene. Difficilmente la vedremo in Europa, ma rimane un'ottima concorrente per le piccole sportive economiche

Autore: Redazione

Tag: Novità , monocilindriche , mercato , anticipazioni


Top