Attualità e Mercato

pubblicato il 17 febbraio 2014

Anteprima: BMW pensa a una crossover con il motore S 1000 RR?

Secondo Motorrad a Intermot 2014 BMW potrebbe lanciare la sua anti-Multistrada

Anteprima: BMW pensa a una crossover con il motore S 1000 RR?

Non sono ancora arrivate nelle concessionarie le novità 2014 che già si inizia a rumoreggiare su ciò che accadrà nel 2015. Il primo sasso nello stagno lo lancia Motorrad, la rivista leader tedesca che sul numero attualmente in edicola spara in copertina un’anticipazione bomba: la BMW starebbe pensando a una crossover quattro cilindri spinta dal motore della S 1000 RR. Motorrad è così certo della notizia che ha preparato anche un bozzetto della moto, che ovviamente fa largo uso degli stilemi caratteristici del design della supersportiva BMW.

MULTISTRADA NON TI TEMO
Ma perché un’azienda come la BMW, che ha già in listino la R 1200 GS, leader di mercato da molti anni, dovrebbe lanciare una on-off che rischia di erodere quote di mercato anche all’interno del proprio listino?
Semplice, i motivi sono essenzialmente due: il primo si chiama Ducati Multistrada 1200, l’unica moto che, conti alla mano, è stata in grado di realizzare dei volumi di vendita paragonabili a quelli della R 1200 GS. Per BMW, quindi, questa potrebbe essere l’occasione propizia per cercare di togliere clienti all’unica moto in commercio che negli ultimi quattro anni ha fatto registrare numeri interessanti.

L’altro motivo che potrebbe spingere BMW a fare una crossover con ruota anteriore da 17 pollici può essere ricercato nella naturale evoluzione industriale delle famiglie di prodotto legate ad un motore. Cerchiamo di spiegarci meglio: noto che nello sviluppo di una nuova motocicletta, il progetto e sviluppo di un nuovo propulsore assorbe circa il 75% degli investimenti va da sé che quando un costruttore disegna un motore nuovo, poi cercherà negli anni di adattarlo a quante più moto possibile, e proprio la BMW è sempre stata maestra in questo.
Storicamente i motori boxer sono nati su moto stradali, ma poi sono andati ad equipaggiare moto on-off, enduro specialistiche ma anche supermotard e supersportive. Per citare un esempio più recente sempre in casa BMW, il bicilindrico parallelo di 800 cc è nato sì per la sportivetta F 800 S, ma ha trovato la sua dimensione ottimale nel telaio della enduro F800 GS, normale e Adventure, ed è stato utilizzato anche per le versioni turistiche come la F 800 GT.

PERCHE’ IL MOTORE S 1000
E’ semplice, a questo punto, capire perché avrebbe senso scegliere il motore della S 1000 RR per costruire una crossover. Il quattro cilindri in linea delle K 1300, potrebbe sembrare più adatto a un uso turistico, ma i suoi ingombri e il peso non sarebbero idonei a equipaggiare una crossover. Il motore K, poi, è ormai in giro da oltre dieci anni e difficilmente pensiamo che BMW possa avere in programma per esso qualche sviluppo ulteriore, quindi va da sé che la scelta migliore per questo genere di moto, (scartando il boxer proprio per non cannibalizzare la R 1200 GS) sia il quattro cilindri in linea della S 1000 RR. Del resto questo motore è già stato depotenziato e addomesticato a 160 CV sulla S 1000 R e questo dato potrebbe essere facilmente preso a riferimento proprio per la potenza della ipotetica S 1000 F anticipata da Motorrad.
Pura fantasia? Noi pensiamo di no.

Immagini: Motorrad

Autore: Lorenzo Gargiulo

Tag: Attualità e Mercato , 1000 , curiosità , turismo , anticipazione


Top