Attualità e Mercato

pubblicato il 22 gennaio 2014

Drive in Italy: un progetto di Fondazione Ania e Ministero dell’Integrazione

Un progetto via internet per insegnare agli stranieri il codice della strada italiano

Drive in Italy: un progetto di Fondazione Ania e Ministero dell’Integrazione

Drive in Italy è un progetto di formazione ed educazione stradale voluto dalla Fondazione ANIA per la Sicurezza Stradale con il patrocinio del Ministero dell’Integrazione. L’idea è quella di aiutare i cittadini stranieri ad imparare in modo semplice il nostro codice della strada. Inoltre, il tema della guida sicura è al centro del progetto per sensibilizzare i nuovi cittadini italiani sul corretto comportamento di guida da tenere dentro o fuori le città d'Italia.

Per accedere al servizio online è bisogna avere una patente di guida valida in Italia (non un patente italiana N.d.R), collegarsi al sito http://driveinitaly.smaniadisicurezza.it e scegliere la lingua preferita tra l’inglese, il rumeno, l’albanese, il cinese e l’arabo. Al termine del corso di guida on-line sarà data la possibilità ai mille partecipanti più meritevoli di accedere a un corso di guida sicura. Sul tema si è sbilanciato anche il Ministro per l'integrazione Cécile Kyenge, sicura che oltre ad offrire la possibilità ai cittadini immigrati di imparare il nostro codice della strada, il progetto sarà utile a diminuire il più possibile il numero di incidenti: "questo progetto è anche un modo per consentire di migliorare la conoscenza della lingua italiana", ha dichiarato.

Autore: Redazione

Tag: Attualità e Mercato , codice della strada , patente


Top