Attualità e Mercato

pubblicato il 7 gennaio 2014

Roma: confermato il divieto notturno sulla Tangenziale Est

Viene rinnovato fino al 30 giugno il divieto di circolazione dalle 23.00 alle 06.00. Ma la sopraelevata non doveva essere demolita?

Roma: confermato il divieto notturno sulla Tangenziale Est

Il 30 dicembre scorso è stata emanata un’ordinanza da parte del sindaco di Roma Ignazio Marino che rinnova i divieti di circolazione notturna sul tratto sopraelevato della Tangenziale Est di Roma. "Niente di nuovo" direbbero i romani, visto che ormai è dal lontano 1994 che la parte di Tangenziale est compresa tra Viale Castrense e Largo Passamonti è chiusa al traffico notturno. Leggendo l’ordinanza con attenzione, però, si scorgono degli aspetti che possono tramutarsi in interessanti spunti di discussione…

UN MOSTRO DA DEMOLIRE
L’ordinanza 314 del 30 dicembre 2013 è piena zeppa di aggiornamenti e di rinvii dell’ordinanza iniziale targata 22 febbraio 1994 che riportano un po’ tutta la storia travagliata della Tangenziale Est di Roma. Rileggendolo. Infatti, si apprende che nel 2008 venne indetta una "Conferenza di Servizi Permanente" che tra le sue attività avrebbe anche dovuto avviare un piano di monitoraggio acustico per la verifica degli attuali valori acustici fino alla fase di attivazione della Nuova Circonvallazione Interna" (che sarebbe la nuova Tangenziale interrata che va dalla Stazione Tiburtina fino a Batteria Nomentana). Ebbene, i risultati di questo monitoraggio acustico confermano la necessità di un provvedimento di chiusura notturna della infrastruttura stradale… Beh, cosa si aspettava l’indagine? Che senza modificare neanche un metro di Sopraelevata, sarebbe calato l’inquinamento acustico?

Ma non basta, perché andando avanti nella lettura ecco che arriva il busillis della questione: "… è necessario confermare l’interdizione notturna del traffico privato sulla Tangenziale Est, in quanto le strutture di bonifica acustica realizzate nel corso degli anni hanno migliorato la situazione di disagio, ma solo in tratti limitati, mentre per quanto attiene alla "Sopraelevata" i tempi di attuazione del previsto smantellamento della stessa risultano ancora di lungo termine". Vale a dire… rinnoviamo il divieto perché tanto la Sopraelevata non verrà mai demolita, in barba a tutti i progetti varati ormai oltre dieci anni addietro dal Comune, come la demolizione della rampa di accesso alla tangenziale da via Prenestina già finanziata con 5 milioni di Euro dalla giunta Veltroni e rimasta lettera morta… Insomma, il mostro che da cinquant’anni deturpa il quartiere di San Lorenzo è destinato a rimanere dov’è ancora per molto…

PIU’ CONTROLLI E AUTOVELOX IN ARRIVO
L’ordinanza di fine anno, però, riporta un altro aspetto cui fare molta attenzione. In una Determinazione del Dipartimento Mobilità e Trasporti dello scorso 2 agosto 2012, era stato imposto un limite di velocità aggiuntivo nel tratto compreso tra via della Batteria Nomentana e Via delle Valli, (quello che si incontra "emergendo" dal tunnel) abbassandolo a 50 km/h. Ecco, l’ordinanza chiede esplicitamente che in questo tratto vengano "posti in essere attività e strumenti idonei a verificare il rigoroso rispetto del limite di velocità ivi consentito". E questo, tradotto in parole povere, significa che sulla Tangenziale Est sono in arrivo nuovi autovelox, quindi attenzione a rispettare il limite di velocità di 50 km/h.

Autore: Lorenzo Gargiulo

Tag: Attualità e Mercato , 1000 , 600 , codice della strada , trasporti , autovelox , multe , citta , 800 , 1200 , 1400 , 500


Top