Special e Elaborazioni

pubblicato il 7 gennaio 2014

Andy Russell Tharg: la Streetfighter con motore Ford Granada

Arriva dall’Inghilterra ed è un curioso ibrido spinto da un motore 2.000 di una vecchia Ford

Andy Russell Tharg: la Streetfighter con motore Ford Granada
freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • Andy Russel Tharg streetfighter - anteprima 1
  • Andy Russel Tharg streetfighter - anteprima 2
  • Andy Russel Tharg streetfighter - anteprima 3
  • Andy Russel Tharg streetfighter - anteprima 4

Siamo abituati a mostrarvi sulle pagine di OmniMoto.it le special più incredibili realizzate dai preparatori più famosi di tutto il mondo. Nella maggior parte dei casi si tratta di moto raffinate che sono costate fior di quattrini e firmate da customizer che creano moto per professione. Quella che vi mostriamo oggi, invece, è stata pensata e costruita con un budget prossimo allo zero, usando solo pezzi di recupero, metalli vari e, molta fantasia.
L’aspetto più curioso di questa moto, che il proprietario e costruttore Andy Russel ha battezzato Tharg è di essere spinta dal motore di una Ford Granada. Per chi non la ricordasse, la Granada era una grossa berlina prodotta dalla Ford negli anni settanta e ottanta che in Italia ebbe pochissima diffusione. Si posizionava al di sopra della Ford Taunus che da noi era molto più conosciuta e adatta alle esigenze delle famiglie italiane, ed è il modello che poi è stato sostituito nel 1985 dalla Scorpio.

2.000 CC E NIENTE CAMBIO
Lo strano oggetto che vedete è stato costruito da un appassionato inglese, Andy Russel, interamente nel suo capanno dietro casa, partendo solo da un’idea e dal blocco motore quattro cilindri in linea da due litri della Granada, recuperato e accuratamente rimesso a nuovo. Attorno al motore Russell ha inventato una ciclistica costruita con tubi e piastre in acciaio, con parti recuperate anche da telai di altre motociclette, e ci ha montato un avantreno tradizionale, coperto da carenature sugli steli della forcella per dare alla moto un look streetfighter.
Il forcellone è stato costruito tagliando e allargando un forcellone in acciaio e costruendoci sopra una robusta capriata di irrigidimento sulla quale sono montati due ammortizzatori in posizione inclinata che realizzano una curiosa sospensione tradizionale ma con due ammortizzatori laterali.
Tutto il lavoro è opera di Andy, che ha fatto in casa anche l’impianto di scarico quattro in due in uno che si raccoglie sotto al motore ed esce lateralmente. Nel video che vi mostriamo, poi, l’autore racconta proprio della difficoltà di portare a termine un progetto del genere con un budget pari a zero, con la difficoltà di dover prendere in considerazione il costo di ogni singolo pezzettino da costruire in modo che sia funzionante ma economico.

Tra gli aspetti più curiosi della Tharg va citata senz’altro la trasmissione che è monomarcia del tutto priva del cambio di velocità. Andy ha semplicemente accoppiato attraverso la frizione originale del motore Ford una coppia conica per ottenere un’albero trasversale su cui applicare un pignone, e poi ha raggiunto la ruota motrice con una lunga catena montata, per ragioni di rapporti di trasmissione, su una corona di dimensioni extra large. Considerata però la notevole forza necessaria per disinnestare una frizione automobilistica, Andy non avrebbe mai potuto azionarla semplicemente a mano e quindi il comando della frizione è doppio. Un cavo parte dal manubrio sinistro e viene coadiuvato nel suo lavoro dal pedale destro che insiste sulla stessa leva. Probabilmente durante la marcia Andy riesce a disinnestare quel tanto che basta della frizione a mano per farla slittare un po’, ma per fermarsi e ripartire ha bisogno di usare il piede. Così facendo, l’unica possibilità di usare il freno posteriore era di montare pompa e pedale sulla sinistra, al posto della leva del cambio (che ovviamente non c’è).

Che dire? Una realizzazione assolutamente incredibile non tanto per la sua essenza, visto che di moto con motori automobilistici se ne sono viste tante e tante se ne vedranno in futuro, ma per il fatto che in Inghilterra un semplice appassionato è in grado di costruire in cantina una moto del tutto inesistente per poi farsela omologare senza problemi e utilizzarla su strade aperte al traffico… Provate a farlo in Italia…

Autore: Lorenzo Gargiulo

Tag: Special e Elaborazioni , quadricilindriche , tuning , special , curiosità , tecnica , personaggi


Top