Attualità e Mercato

pubblicato il 16 dicembre 2013

Smog a Roma: targhe alterne il 17 e 18 dicembre

Inquinamento insostenibile nella Capitale: ancora due giorni di targhe alterne. Martedì circolano le pari, mercoledì le dispari

Smog a Roma: targhe alterne il 17 e 18 dicembre

La Capitale si è svegliata con un nuovo allarme inquinamento, dopo che la pioggerella caduta nel weekend aveva fatto sperare per un miglioramento della situazione, e invece oggi, 16 dicembre, le centraline di monitoraggio della qualità dell’aria a Roma hanno fatto registrare per il dodicesimo giorno consecutivo il superamento del limite di legge di 50 microgrammi a metro cubo per le polveri sottili.
Il meteo continua a non favorire il ricambio dell’aria attorno alla capitale, su cui stagna una coltre di smog in attesa che vento e pioggia arrivino a spazzare le polveri sottili.
La giunta capitolina, di conseguenza, è costretta a emanare ordinanze a ripetizione, con cadenza ormai quotidiana, nel tentativo, a quanto pare vano, di ridurre il tasso di polveri sottili in sospensione nell’atmosfera. L’ultima ordinanza è stata firmata dal Sindaco Ignazio Marino domenica 15 dicembre, imponendo il blocco della circolazione dei veicoli più inquinanti nella giornata odierna e, a momenti, è attesa una nuova ordinanza che stabilisce l’imposizione delle targhe alterne per i giorni di martedì 17 e mercoledì 18 dicembre.

ORARI E VEICOLI INTERESSATI
Il provvedimento di limitazione alla circolazione di martedì 17 e mercoledì 18 dicembre ripropone le targhe alterne già attivate la scorsa settimana con risultati non molto positivi. Cambiano però gli orari in cui sarà vietato circolare, poiché la limitazione inizierà alle 8.30 (anziché le 7.30) e proseguirà fino alle 14.00 (in passato fino alle 12.30), per poi fare una pausa fino alle 15.30. Da lì ancora blocco fino alle 20.00 per riaprire alla circolazione un po’ prima rispetto agli ultimi provvedimenti. Con questi nuovi orari sarà più facile arrivare in ufficio di mattina, mentre al pomeriggio la situazione è pressoché invariata.
Ricordiamo che le ordinanze sindacali sulle targhe alterne prevedono anche che, nei giorni di validità dell’ordinanza, sia vietata la circolazione dei veicoli più inquinanti e quindi: motocicli euro zero e Euro 1 e autoveicoli euro zero e Euro 1 a benzina e diesel euro zero, 1 e 2.

LE CATEGORIE ESENTATE DAL BLOCCO E LE MULTE
Ricordiamo che le categorie di veicoli esentati dalle targhe alterne e che quindi potranno circolare liberamente sono: moto quattro tempi Euro 3, ciclomotori quattro tempi Euro 2, automobili Euro 5 nonché gli ibridi, i veicoli elettrici e quelli a metano e gpl. A titolo informativo ricordiamo che la multa per l’infrazione al divieto di circolazione è di 155 euro.

Autore: Lorenzo Gargiulo

Tag: Attualità e Mercato , curiosità , anticipazione , multe , citta


Top