Attualità e Mercato

pubblicato il 11 dicembre 2013

Roma: vigili urbani in protesta. Programmato uno sciopero il 29 gennaio

I “Pizzardoni” accusano straordinari non pagati, carenza di personale e niente sicurezza. Oggi la seconda assemblea

Roma: vigili urbani in protesta. Programmato uno sciopero il 29 gennaio

Come era da aspettarsi, i provvedimenti sulle targhe alterne indette a Roma per il 10 e 11 dicembre non hanno avuto gli esiti sperati e la Capitale si è svegliata anche oggi bloccata dal traffico. La prima giornata di targhe alterne (martedì 10 dicembre) è stata pressoché ignorata dai cittadini che non hanno rinunciato all’auto sapendo delle agitazioni sindacali in atto da parte dei Vigili Urbani. Come sappiamo, i municipali erano riuniti in assemblea generale e hanno disertato le postazioni di controllo al punto che le sanzioni comminate ieri sono state solo 138 (furono 1.200 al giorno in epoca Alemanno).
Oggi si replica con le auto dispari ammesse a circolare, mentre le pari dovranno star ferme dalle 7.30 alle 12.30 e dalle 16.30 alle 20.30 dentro la fascia verde.

STRAORDINARI NON PAGATI: I VIGILI MINACCIANO LO SCIOPERO
Durante la prima giornata di assemblea generale coordinata dalla Cgil, Cisl e Uil, i temi principali venuti a galla su cui il corpo dei Vigili Urbani protesta contro il sindaco Ignazio Marino sarebbero la generale assenza di tutela sul lavoro e i mancati pagamenti degli straordinari dei mesi estivi. La protesta si è acuita, a quanto pare, dopo le richieste di disponibilità a fare ulteriori straordinari durante le feste natalizie da parte del Comune di Roma. Quella della carenza di personale è una problematica nota da tempo nel corpo dei vigili romani che chiedono da tempo che il Comune preveda nuove assunzioni.

Oggi è in corso la seconda giornata di assemblea sindacale, ma è da aspettarsi che le polemiche andranno avanti a lungo, visto che il Corpo dei Vigili Urbani denuncia una generale assenza di un programma direttivo e del necessario dialogo con l’amministrazione comunale, per i quali i "Pizzardoni" romani sono pronti a scendere in piazza con uno sciopero programmato per il 29 gennaio 2014. Lo riporta in una nota il Presidente dell’Organizzazione sindacale Polizia Locale Luigi Marucci: "I responsabili del Sindacato Ospol ‐ Csa hanno confermato, al Prefetto di Roma e ai Rappresentanti del Campidoglio, lo stato di agitazione e l’indizione dello sciopero per il 29 gennaio p.v. H24 (in tutti i turni di lavoro) pur essendo disponibili a recedere dal medesimo se entro il 20 gennaio p.v. il Sindaco di Roma Ignazio Marino, essendo l’unico a trattare per la Polizia Locale avendo trattenuto a Se la delega sulla Polizia Locale, ritenesse utile aprire un tavolo di confronto con segnali concreti nella risoluzione dei 18 punti di rivendicazione oggetto della vertenza Polizia Locale Roma Capitale".
I citati 18 punti su cui i vigili romani rivendicano attenzione sono: Organico, medicina preventiva, assicurazione contro aggressioni, Polizza Arma da fuoco, strumenti di autotutela, documento di rischio strada, cabine protettive, sedi di casermaggio, parco auto, vestiario, previdenza integrativa, osservatorio epidemiologico malattie professionali e nuova organizzazione del lavoro incentrata sul Vigile di Quartiere.

Autore: Lorenzo Gargiulo

Tag: Attualità e Mercato


Top