Sport

pubblicato il 19 ottobre 2013

WSBK 2013, Jerez: Laverty in Superpole davanti a Sykes

I due protagonisti più attesi davanti a tutti, terzo c'è Giugliano

WSBK 2013, Jerez: Laverty in Superpole davanti a Sykes

Eugene Laverty prova a tenere ancora vive le speranze di laurearsi campione del mondo Superbike conquistando la Superpole del round conclusivo di Jerez de la Frontera. Arrivato in Spagna con 37 punti da recuperare, il pilota dell'Aprilia non può fare altro che puntare a vincere e sperare che le cose vadano storte al leader Tom Sykes e bisogna dire che fino ad ora ha fatto al meglio il suo lavoro.

Nella Superpole 3 il nordirlandese ha sfruttato al meglio l'unica gomma da tempo che era rimasta a sua disposizione ed ha realizzato un crono di 1'40"620 che gli vale la partenza al palo per le due corse decisive di domani. Purtroppo per lui, però, anche il rivale della Kawasaki ha svolto al meglio il suo compito, conquistandosi un posto al suo fianco in prima fila con un distacco di appena 48 millesimi. Un risultato importante per "The Grinner", al quale basterà un quarto posto in una delle due manche per chiudere i conti.

Per lui però non sarà affatto facile, perchè le RSV4 sembrano particolarmente a loro agio, come certificato dal fatto che ce ne sono ben quattro nelle prime due file dello schieramento. A completare la prima troviamo quella del Team Althea affidata a Davide Giugliano. Quinto e sesto tempo invece per Sylvain Guintoli e Toni Elias, che si è anche reso protagonista di una scivolata innocua nella Superpole.

Davanti a loro si è infilata anche la BMW di Marco Melandri, che all'ultimo giro è arrivato vicino ad agguantare un posto sulla prima linea della griglia di partenza, ma che ha anche lamentato un forte dolore alla caviglia infortunata e quindi non pare troppo ottimista in vista delle due manche di domani.

Positivo il rientro di Leon Camier, che ha portato la sua Suzuki in settima posizione dopo un lungo stop, precedendo la prima delle Ducati, che a sorpresa è quella dell'esordiente Xavier Fores, che ha realizzato un incoraggiante ottavo tempo con la 1199 Panigale. Merita di essere sottolineata poi la grande prova di Mark Aitchison, che ha portato la Kawasaki del Team Pedercini nella Superpole 3, chiudendo nono.

A sorpresa l'australiano è riuscito ad eliminare la BMW di Chaz Davies, che dovrà accontentarsi di prendere il via dalla quarta fila con al suo fianco la Yamaha della wild card Broc Parkes e la vecchia Ducati 1098R di Lorenzo Lanzi, che si è tolto la soddisfazione di tagliare fuori dalla Superpole 2 la 1199 Panigale di Ayrton Badovini. Insieme al pilota biellese non hanno superato la tagliola della Superpole 1 anche Federico Sandi e Michel Fabrizio.

World Superbike - Jerez de la Frontera - Superpole

Autore: Matteo Nugnes

Tag: Sport


Top