Novità

pubblicato il 18 ottobre 2013

Erik Buell Racing 1190RX 2014

Svelata all’American International Expo in Florida la versione definitiva della sportiva statunitense. Costa 14.000 euro circa

Erik Buell Racing 1190RX 2014
freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • Erik Buell Racing 1190RX 2014 - anteprima 1
  • Erik Buell Racing 1190RX 2014 - anteprima 2
  • Erik Buell Racing 1190RX 2014 - anteprima 3
  • Erik Buell Racing 1190RX 2014 - anteprima 4
  • Erik Buell Racing 1190RX 2014 - anteprima 5
  • Erik Buell Racing 1190RX 2014 - anteprima 6

Erik Buell Racing ha presentato a metà settimana presso l’American International Motorcycle Expo (AIMExpo) di Orlando (Florida - USA) la sua nuova superbike. Figlia della EBR 1190RS, ha il nome di Erik Buell Racing 1190RX e altro non è che la versione più "povera" della prima moto citata. Quella che era la Buell, è dunque più viva che mai! Il mercato aveva bisogno di questa RX, visto che la RS "sparava" un prezzo esagerato di 41.955 dollari (31.000 euro circa), senza considerare il "Carbon Package" di ben 4.000 verdoni! La 1190 RX ha infatti un prezzo fissato in 18.995 dollari (14.000 euro circa), rinunciando a qualche particolare e con un look diverso, ma non certo meno ricercato. Ancora non abbiamo dettagli sull'eventuale commercializzazione nel Vecchio Continente.

DESIGN EBR!
Partiamo… dalla fine: il codone, il serbatoio ed una parte del cupolino sono le uniche cose che restano della RS. Le carene sono infatti più "semplici", mentre al posto di due proiettori poliessoidali troviamo un normale fanale che ai lati offre due "baffi" a LED a forma di gancio appuntito sull’arco, decisamente accattivanti ed innovativi. Dietro il cupolino trova spazio un cockpit minimalista, formato da una strumentazione con display digitale a colori. Gli specchietti retrovisori non hanno più gli indicatori di direzione integrati (questi passano sulle carene), la sella è diversa e la moto è ora biposto. Esteticamente il terminale ha un look meno racing e le colorazioni sono le seguenti: Strike Yellow, Racing Red e Galactic Black.

185 CV!
Veniamo ora ai dati tecnici, più precisamente quelli del motore. Il bicilindrico a V di 72° da 1190 cc americano sviluppa 185 CV a 10.600 giri/min ed una coppia massima di 138 Nm a 8200 giri/min. Le misure di alesaggio per corsa sono rispettivamente di 106 x 67.5 mm e l’alimentazione è elettronica. Il cambio prevede sei rapporti e la trasmissione finale è di 16/41 con una catena 520 Z.

CICLISTICA: ALLUMINIO, GRAZIE
Telaio (che funge da serbatoio della benzina) e forcellone sono in alluminio per una lunghezza totale di 2.040 mm e la sella è sita a 826 mm da terra, mentre le sospensioni sostituiscono le Öhlins della RS e sono Showa. Per quanto riguarda l’impianto frenante è confermato all’anteriore il disco freno perimentrale (da 386 mm) che lavora in simbiosi con una pinza a 8 pistoncini (questa è sempre dotata di un convogliatore d’aria dinamico che provvede al raffreddamento delle pastiglie nell’uso intenso), mentre al posteriore troviamo un disco da 220 mm con una pinza a 2 pistoncini (Hayes Performance). I cerchi hanno misure di 17″ e sono abbinati a pneumatici Pirelli Rosso Corsa. Il peso ferma l’ago della bilancia a 190 Kg, 14 Kg in più della racing RS. Non manca il traction control regolabile su ben 21 settaggi.

Autore: Fabio Caliendo

Tag: Novità , bicilindriche , superbike , 1200


Top