Sport

pubblicato il 30 settembre 2013

WSBK 2013, Laguna Seca: Laverty si impone in gara 2

Podio molto italiano con Giugliano e Melandri, mentre Sykes chiude quarto

WSBK 2013, Laguna Seca: Laverty si impone in gara 2

Dopo le continue interruzioni di ieri, oggi è filato tutto liscio in gara 2 del Mondiale Superbike a Laguna Seca, nella quale alla fine è arrivata la terza vittoria nelle ultime quattro gare di Eugene Laverty, che ha aspettato il momento giusto per piazzare la sua zampata, risparmiando le gomme della sua Aprilia.

Per buonissima parte della corsa, infatti, è stato Tom Sykes a dettare il ritmo. Il britannico della Kawasaki sembrava in grado di poter regalare il bis di gara 1, visto la tranquillità con cui era riuscito a rispondere colpo su colpo a tutti i tentativi di attacco di un grintosissimo Davide Giugliano.

Nel finale però il leader del Mondiale ha patito un crollo verticale delle prestazioni della sua ZX-10R e gli avversari erano lì alle sue spalle pronti ad approfittarne. Il migliore in questo frangente è stato proprio Laverty, che a tre giri dalla fine ha sorpassato Giugliano alla curva 5, concedendo il bis una tornata più tardi sul battistrada.

Una volta in testa ha subito provato a distanziare "The Grinner", che all'ultima curva ha poi ceduto il passo anche a Giugliano. E proprio il portacolori del Team Althea le ha provate davvero tutte per andare a riacciuffare il nordirlandese, arrivando nella sua scia nella parte conclusiva del tracciato californiano. Laverty però è stato bravissimo a tenere l'interno alla staccata conclusiva, involandosi verso una bella vittoria.

Nel frattempo dietro di loro Sykes si è arreso anche a Marco Melandri, che quindi è riuscito in extremis ad artigliare un posto sul podio per la sua BMW. Il grande deluso di questa gara 2 però è senza ombra di dubbio Sylvain Guintoli: il francese non ha mai retto il ritmo del quartetto di testa e alla fine si è dovuto accontentare di un quinto posto in solitaria che gli è costato anche la seconda piazza in campionato.

Nella classifica iridata, infatti, ora c'è Laverty alle spalle di Sykes, con 23 punti da recuperare. 1 punto più indietro troviamo l'altro portacolori dell'Aprilia, mentre Melandri è più distanziato a -42.

Tornando a scorrere la classifica, in sesta piazza c'è la Suzuki di Jules Cluzel, che ha preceduto lo spagnolo Toni Elias, che proprio nell'ultima parte di gara è riuscito a regolare la wild card Roger Lee Hayden: il fratello d'arte comunque si è reso ptotagonista di una buona prova con la GSX-R1000 della squadra della leggenda del basket Michael Jordan.

Ennesima giornata da dimenticare, infine, per la Ducati. Niccolò Canepa si era reso protagonista di un ottimo avvio, ma è caduto al secondo giro mentre occupava la quarta posizione. Ripartito molto distanziato, ha chiuso 15esimo. Costretto al ritiro invece Ayrton Badovini, anche lui finito ruote all'aria.

World Superbike - Laguna Seca - Gara 2
World Superbike - Classifica campionato

Autore: Matteo Nugnes

Tag: Sport


Top