Novità

pubblicato il 25 settembre 2013

KTM lancia il Motorcycle Stability Control: l’ABS attivo - VIDEO

Sarà la 1190 Adventure 2014 ad avere per prima l’ABS che funziona anche in curva ed evita lowside e highside

freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • KTM presenta il Motorcycle Stability Control Bosch - anteprima 1
  • KTM presenta il Motorcycle Stability Control Bosch - anteprima 2
  • KTM presenta il Motorcycle Stability Control Bosch - anteprima 3
  • KTM presenta il Motorcycle Stability Control Bosch - anteprima 4
  • KTM presenta il Motorcycle Stability Control Bosch - anteprima 5
  • KTM presenta il Motorcycle Stability Control Bosch - anteprima 6

Era solo questione di tempo, questo lo sapevamo già da almeno due anni: da quando la Bosch a Boxberg ci dichiarò che presto sarebbero entrati in produzione dei sistemi ABS attivi, in grado di incrementare di molto la sicurezza arriva delle motociclette. All’epoca ipotizzammo che già nel 2012 si sarebbero potute vedere in produzione delle moto equipaggiate di ABS attivo. Ci sbagliavamo ma non di molto, visto che è notizia di oggi che la KTM doterà la sua 1190 Adventure in versione 2014 di una evoluzione del già affermato ABS 9ME di Bosch, in grado di migliorare ulteriormente la sicurezza di guida, lavorando anche in curva, ma non solo…

MOTORCYCLE STABILITY CONTROL
KTM ha dichiarato l’inizio della produzione delle 1190 Adventure (base ed R) equipaggiate del sistema MSC per il mese di Dicembre 2013 e, per fare la felicità dei proprietari delle omologhe versioni 2013, offrirà la possibilità di "retrofittare" con questo ultimo ritrovato anche le moto in circolazione a un prezzo contenuto.
Ma come funziona il Motorcycle Stability Control?. La risposta è facile a parole: è un ABS che aziona autonomamente i freni secondo la logica con cui è stato progettato. Ciò che è decisamente più difficile è proprio il lavoro di progettazione del sistema, perché esso deve essere in grado di identificare le diverse condizioni di guida del veicolo, sfruttando i segnali inviati dalla sensoristica di bordo. Il sistema è quindi in grado di miscelare i segnali in arrivo da: velocità delle ruote, velocità del veicolo, regime motore (e sua variazione), apertura del gas, sensori di inclinazione e di azionamento dei freni, e con essi capire esattamente cosa sta facendo la motocicletta.
Il MSC diventa attivo nelle situazioni più pericolose per la guida, di solito le azioni di frenata in curva, e di accelerazione in uscita di curva. Il sistema funziona evitando lo slittamento del pneumatico anteriore frenando in curva, minimizza l’effetto di autoraddrizzamento frenando in curva, ed evita il ribaltamento in avanti della moto nelle frenate d’emergenza. Queste sono le tre condizioni di intervento legate alla frenata, ma il Bosch MSC lavora anche in accelerazione, coadiuvando l’azione del Traction control e azionando i freni sia se la ruota posteriore slitta accelerando in curva, sia evitando che la moto impenni quando è in moto rettilineo.
A breve dovremmo ricevere ulteriori informazioni da parte di KTM e Bosch. Torneremo presto sull'argomento.

Autore: Lorenzo Gargiulo

Tag: Novità , bicilindriche , tecnica , tecnologia , anticipazione , abs , freni , 1200


Top