Novità

pubblicato il 19 settembre 2013

Honda Activa-I: lo scooter da 528 euro attacca il mercato Indiano

La casa giapponese lancia lo scooter più economico disponibile in India. Scacco ai costruttori locali?

Honda Activa-I: lo scooter da 528 euro attacca il mercato Indiano
freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • Honda ACTIVA-I - anteprima 1
  • Honda ACTIVA-I - anteprima 2

I mercati emergenti dell’Asia e del Sud America interessano sempre di più i grandi costruttori giapponesi che sempre più stanno dedicando i propri prodotti a quei mercati "locali". Il virgolettato non è casuale, visto che quando si parla di India, o di Brasile e Argentina bisogna fare i conti con mercati locali che valgono milioni di pezzi. Trattandosi di regioni a reddito bassissimo, poi, la lotta si gioca fortemente sul contenere i prezzi e abbattere i consumi, visto che di solito chi acquista una motocicletta o uno scooter, ne farà un uso quotidiano molto intenso.

528 EURO E 60 CHILOMETRI AL LITRO
La Honda è stabilmente il leader di mercato nell’ampissimo settore degli scooter automatici in India, detenendo oltre il 50% di market share. Per mantenere questa leadership la Honda Motorcycle & Scooter India Pvt. Ltd. (HMSI) ha lanciato nei mesi scorsi sul mercato locale il nuovo Activa-I, che si prefigge l’obiettivo di essere lo scooter automatico più a buon mercato e quello che realizza il minor consumo possibile. Il prezzo dichiarato da Honda nella città di Nuova Dehli è di 44.200 rupie, che al cambio attuale fanno esattamente 528 euro, una quotazione impensabile, raggiungibile solo con un attento equilibrio tra tecnologia ed equipaggiamento e che fa affidamento soprattutto sugli enormi volumi di vendita raggiungibili in India.
Gli aspetti tecnologici dell’ACTIVA-I arrivano dal motore, il conosciuto monocilindrico da 109 cc che Honda propone anche sul Vision 110, capace di 8 cavalli e un consumo record che si assesta su 60 km al litro a velocità costante in pianura.
Per contenere il prezzo, come si vede dalle foto, non ci sono freni a disco né sospensioni telescopiche, ma freni a tamburo e una forcella a biellette che ricorda tanto quella del Vision 50 di fine anni ottanta. Tutte soluzioni necessarie per abbattere i costi e raggiungere il prezzo citato. Nell’ottica, però, di offrire un mezzo sicuro, il sistema di frenata è combinato e promette di ridurre del 24% le distanze di arresto rispetto a uno scooter con freni convenzionali. Le caratteristiche di praticità citate da Honda sono di una capacità di carico di 18 litri, sella confortevole, peso contenuto in soli 103 kg in modo da soddisfare anche l’utenza femminile. Curioso notare come anche il fattore stile ed eleganza sia entrato a far parte della descrizione di un veicolo destinato ad un mercato in cui fino ad oggi praticità ed economicità erano le caratteristiche chiave da anteporre sulle altre, mentre oggi non è più così. Segno dei tempi che cambiano, e della paurosa crescita economica che le popolazioni Indiane stanno vivendo in questi decenni.

Autore: Lorenzo Gargiulo

Tag: Novità , scooter , curiosità


Top