Novità

pubblicato il 6 settembre 2013

Kawasaki Z 1000 SX 2014

La nuova sport tourer ora vanta il controllo di trazione KTRC di serie e tanti piccoli ma importanti aggiornamenti. Arrivano poi delle nuove borse laterali (optional)

Kawasaki Z 1000 SX 2014
freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • Kawasaki Z 1000 SX 2014 - anteprima 1
  • Kawasaki Z 1000 SX 2014 - anteprima 2
  • Kawasaki Z 1000 SX 2014 - anteprima 3
  • Kawasaki Z 1000 SX 2014 - anteprima 4
  • Kawasaki Z 1000 SX 2014 - anteprima 5
  • Kawasaki Z 1000 SX 2014 - anteprima 6

Presentata a Intermot 2010, la Kawasaki Z 1000 SX si rinnova in diversi particolari dopo tre anni, mostrandosi per il 2014 con parecchi aggiornamenti che le donano più praticità e più attitudini alla guida sportiva. La base tecnica del motore, un quattro in linea da 1.043 cc e (i cavalli ora sono quattro in più, per un totale di 142 CV) rimane la medesima, ma è stato aggiunto il controllo di trazione KTRC, un nuovo sistema di borse laterali (optional) e numerosi rinnovamenti che ora andiamo ad analizzare. Aggiungiamo poi le nuove colorazioni: il classico Candy Lime Green, il Candy Cascade Blue, il Metallic Spark Black ed il Metallic Graphite Gray. Rinnovato anche il fanale a LED posteriore.

NUOVE BORSE LATERALI
Per il 2014, in luogo delle borse laterali utilizzate sulla versione Tourer, viene proposto un nuovo sistema privo di telaietto, in modo da lasciare "pulita" la vista laterale una volta tolte. Ogni valigia ha una capacità di 28 litri e possono ospitare un casco integrale. Con entrambe le borse laterali, la moto ha una larghezza totale di 925 mm. Ovviamente la chiave della serratura è la medesima per l’avviamento. La forma delle stesse poi, come potete vedere dalle immagini, è diversa, molto più ricercata ed accattivante.

ARRIVA IL KTRC
La novità più importante per la versione MY2014 è sicuramente il controllo di trazione, il KTRC che offre tre tarature, una per la guida sportiva (l’intervento è meno invasivo), una per la guida normale e infine un’ultima, qualora si verifichino condizioni di scarsa aderenza. Rivisti anche dei particolari che si concentrano sulla erogazione della potenza, secondo il costruttore più immediata e reattiva: l’air-box, infatti, dovrebbe assicurare una diversa tonalità in aspirazione grazie a forme differenti, mentre i cornetti di aspirazione più lunghi dovrebbero aumentare la risposta ai medi regimi. A disposizione del pilota poi, abbiamo la doppia mappatura del motore (Low - si ha a disposizione il 70% della potenza - e Full). I terminali di scarico sono poi stati rivisti nel design e abbiamo una nuova taratura dell'ECU.

RIVISTA LA CICLISTICA
Per quanto riguarda la ciclistica, le sospensioni sono state aggiornate. La forcella, sempre da 41 mm, ha una nuova taratura (è previsto la regolazione nello smorzamento in estensione e in compressione e precarico della molla), mentre il monoammortizzatore posteriore ha ora la regolazione del precarico "esterna" in modo da poter lavorare più velocemente sul setting della sospensione. Dovrebbe poi esser stato migliorato il "tallone d’achille" della moto, la frenata: la versione 2014 è infatti provvista di una pompa freno radiale all’anteriore e nuove pinze freno radiali della Tokico che "mordono" sempre dei dischi dal profilo a margherita. Ovviamente è disponibile la versione dotata di ABS.

Kawasaki Z1000SX

Autore: Fabio Caliendo

Tag: Novità , 1000 , quadricilindriche , saloni , turismo , eicma 2013


Top